Sequestrati da GDF Firenze alberi di Natale e addobbi non a norma

Sequestrati dalla Guardia di Finanza di Firenze 28.896 prodotti elettrici ed elettronici, alberi di Natale ed addobbi natalizi privi di marcatura CE, dichiarazione di conformita’ CE ed informazioni in italiano ai consumatori. L’operazione si inserisce nel piano di controlli predisposto dalle Fiamme Gialle volto a contrastare l’importazione, produzione e commercializzazione di prodotti contraffatti o non rispondenti alla normativa CE. Le attivita’ ispettive, finalizzate, in primo luogo, a garantire maggiore sicurezza ai cittadini, soprattutto nell’approssimarsi delle festivita’ natalizie, si sono incentrate principalmente su quelle attivita’ di vendita di prodotti non in regola con la normativa CE. L’attivita’ sottoposta a controllo dai finanzieri del Gruppo di Firenze era nella zona industriale di Sesto Fiorentino. Titolare della ditta era un cinese 30enne, residente a Sesto Fiorentino, segnalato alla Camera di Commercio ed alla Prefettura di Firenze per violazioni amministrative inerenti il commercio di prodotti privi dei requisiti essenziali di sicurezza. La ditta, attiva da due anni, era dedita all’importazione e commercio all’ingrosso di prodotti elettrici ed elettronici provenienti esclusivamente dalla Cina. L’impresa era gia’ nota alle Fiamme Gialle locali.
Negli anni addietro era stata oggetto di un similare controllo e sanzionata per i medesimi reati, con un ingente sequestro di merce non a norma CE. In questo periodo, oltre ai consueti oggetti elettrici ed elettronici venduti durante tutto il corso dell’anno, la societa’ aveva importato dalla Cina e posto in vendita ingenti quantita’ di prodotti natalizi.Sono stati sequestrati complessivamente 28.896 oggetti: 5.457 alberi di natale, luminarie e souvenir natalizi, senza marcatura CE; 20.587 dispositivi elettromagnetici (lampade, mouse, microfoni, videocamere, calcolatrici) senza dichiarazione di conformita’ CE; 1.652 dispositivi elettronici (massaggiatori, caricabatterie) privi delle informazioni in lingua italiana; 1.200 luci per bici con marcatura CE irregolare. La merce sottoposta a sequestro, acquistata a pochi centesimi in Cina, era destinata principalmente al mercato locale.

Fonte: Agi News On, 20 dicembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.