Sequestrate 75 tonnellate di funghi porcini cinesi

Prosegue senza sosta l’attività dei carabinieri dei Nas nel controllo dell’importazione di funghi, spesso soggetti ad infestazioni di larve potenzialmente nocive per la salute umana. Il nucleo dei militari di Padova, dall’inizio dell’anno, ha eseguito cinque diverse operazioni culminate con il sequestro di oltre 75 tonnellate di funghi porcini importati dalla Cina: le analisi fatte dai laboratori dell’Arpa regionale hanno riscontrato la massiccia contaminazione da “ditteri micetofilidi” (larve).

L’ultima operazione è di pochi giorni fa quando, a seguito dell’esito non regolamentare di un campione prelevato presso la piattaforma patavina di un’azienda toscana (nei confronti della quale nelle settimane scorse sono già stati adottati analoghi provvedimenti), è scattato il sequestro per oltre 17 tonnellate di funghi porcini congelati di provenienza cinese, infestati da larve e pertanto potenzialmente nocivi per la salute pubblica.

Accertamenti sono in corso per capire se parte dei prodotti contaminati sia già stata commercializzata, per l’eventuale attivazione del sistema di allerta. Il valore della merce sottratta al consumo degli ignari cittadini si aggira sui 400.000 euro.

Agi, 19 febbraio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.