Senza figli e un abbraccio al mese nel gulag. L’amore kafkiano di Xiaobo

Una volta al mese Liu Xia si reca a Jinzhou, in una prigione di massima sicurezza a seicento chilometri sotto la Manciuria, a trovare il marito Liu Xiaobo, che ieri ha ricevuto in contumacia il Premio Nobel per la Pace a Oslo.

Leggi l’articolo su Il Foglio

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.