Scuole cattoliche contro “l’educazione nazionale” imposta da Pechino

Le scuole cattoliche del Territorio evitano “l’invito” del governo a introdurre le classi di educazione nazionale nei propri istituti. Antony Ip Sing-piu, assistente della diocesi per l’educazione, ha chiarito che le scuole che fanno capo alla Chiesa “non introdurranno questa materia nella maniera in cui è stata proposta”. Almeno fino a che la commissione diocesana incaricata di studiare l’argomento non avrà concluso le linee guida sulla questione. Ip ha poi aggiunto che gli istituti non useranno i 530mila dollari di Hong Kong (circa 46mila euro) offerti dal governo come incentivo all’istruzione e previsti nella contestata riforma dell’educazione osteggiata dalla Chiesa: “Siamo responsabili nei confronti dei genitori e degli studenti. Non dobbiamo usare per forza i fondi, anche se ci sono stati recapitati”. Secondo l’assistente, il vescovo del Territorio card. John Tong-hon ha scritto una lettera alcuni giorni fa ai presidi e ai supervisori delle scuole cattoliche in cui ha chiarito che “l’educazione nazionale” dovrebbe essere introdotta “passo dopo passo”. La nuova riforma scolastica – voluta dal governo dal 2002 e varata nel 2004 – prevede che in ogni scuola sovvenzionata da esso, vi sia un nuovo organismo, l’ “incorporate management committee (Imc)”, in cui vi sono rappresentanti eletti dei genitori e dagli ex alunni oltre a figure nominate dal governo. Essi sono gli ultimi responsabili dell’organizzazione della scuola. Sebbene il 60% dei rappresentanti dovrebbe essere scelto dagli Sb, le Chiese cristiane temono che in questo modo la proposta educativa venga politicizzata; che il governo prima o poi venga a determinare i contenuti educativi e che infine gli Sb vengano emarginati. Inoltre, sempre secondo la riforma, tutte le scuole di Hong Kong – dalle elementari in poi – devono inoltre approntare delle non meglio definite “classi di educazione nazionale”, che dovrebbe essere trattata come una materia a parte. Lo scorso anno, parlando a un Forum sull’educazione nel Territorio, il vescovo emerito card. Joseph Zen Ze-kiun aveva attaccato questi argomenti che “non faranno altro che lavare il cervello agli studenti. Cosa si aspettano? Che approviamo l’operato del Partito comunista?”.

Fonte: Asia News, 19 luglio 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.