SBS sospende le trasmissioni dai canali statali cinesi per “ confessioni forzate ”

L’organizzazione per i diritti umani afferma che i canali CGTN e CCTV presentavano regolarmente filmati di prigionieri che facevano confessioni sotto costrizione.

 

L’emittente pubblica australiana SBS ha sospeso le trasmissioni dai canali dei media statali cinesi CGTN e CCTV, in attesa di una revisione delle denunce sui diritti umani.

SBS ha detto al Guardian che stava esaminando un reclamo inviato dall’organizzazione per i diritti umani Safeguard Defenders, secondo cui i programmi CGTN e CCTV regolarmente mostrati dall’emittente multiculturale avevano in passato incluso dozzine di confessioni forzate sia a livello nazionale che internazionale, in violazione del codice SBS di condotta. Non ha affermato che SBS avesse trasmesso nessuna delle confessioni.

SBS ha confermato di aver ricevuto una denuncia da Safeguard Defenders, avvertendola di “gravi preoccupazioni sui diritti umani” riguardo alla sua trasmissione di programmi in lingua mandarino e inglese forniti da CGTN e CCTV.

“Date le serie preoccupazioni che solleva e la complessità del materiale coinvolto, abbiamo deciso di sospendere la trasmissione dei bollettini di notizie CGTN e CCTV di provenienza estera mentre intraprendiamo una valutazione di questi servizi”, ha detto un portavoce di SBS.

CGTN è l’emittente in inglese e in altre lingue per l’emittente televisiva statale CCTV.

I programmi di entrambe le stazioni trasmessi su SBS come parte del suo “pacchetto Great Wall” erano tra quelli che hanno trasmesso confessioni forzate di almeno 56 persone tra il 2013 e il 2020, ha detto Safeguard Defenders.

“Queste trasmissioni hanno coinvolto l’inserimento, il confezionamento e la messa in onda di confessioni forzate e false di prigionieri detenuti in condizioni di costrizione e tortura”, ha detto Safeguard Defenders nella sua lettera a SBS e all’autorità di regolamentazione australiana dei media ACMA.

Ha detto che alcuni soggetti delle confessioni trasmesse non hanno potuto dare il loro consenso a essere filmati considerando il fatto che sono stati detenuti arbitrariamente. Ha affermato che la mancanza di consenso e la violazione della privacy hanno violato i codici di condotta di SBS.

“Nei casi in cui la vittima era a conoscenza del fatto che la confessione poteva essere rilasciata pubblicamente, i giornalisti della CCTV hanno collaborato con la polizia per inserire e registrare le confessioni, e non sono state mandate in onda , e la CGTN le ha impacchettate in inglese”, si legge nella lettera.

“Poiché questa violazione del codice di condotta di SBS non è solo un evento isolato ma è sistematica, intenzionale e diffusa, di fatto una politica deliberata, viene presentata una denuncia di carattere generale, con una richiesta che la SBS avvii un indagine sulla CCTV-4 e CGTN per mancato rispetto del regolamento. “

Il Guardian ha appreso che la lettera è stata consegnata a SBS giovedì mattina. Entro venerdì, SBS aveva deciso di sospendere le trasmissioni e avviare una revisione.

La decisione di SBS segue una sentenza del regolatore britannico, Ofcom, a febbraio per privare la CGTN della sua licenza di trasmissione locale dopo aver scoperto che la rete era controllata dal Partito comunista cinese e non aveva indipendenza editoriale. La ONG per i diritti umani Saveguard Defenders aveva anche presentato reclami e fornito prove delle pratiche della CGTN a Ofcom.

In apparente rappresaglia , le autorità cinesi hanno successivamente vietato le trasmissioni di BBC World News nella Cina continentale e ad Hong Kong.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: The Guardian, 05/03/2021

Versione inglese:

SBS suspends broadcasts from Chinese state-run channels over ‘forced confessions’ 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.