Sacerdoti e giovani cinesi impediti a partecipare alla Giornata mondiale della Gioventù

Si calcola che a Cracovia vi saranno circa 2mila giovani dalla Cina. Molti non hanno soldi o non hanno trovato degli sponsor. Le autorità hanno proibito a sacerdoti ufficiali e sotterranei di andare perché troppo amici del papa. Giovani prelevati dalla polizia all’aeroporto, minuti prima del loro imbarco. I timori per gli interrogatori al ritorno.

Roma – Fonti cinesi fanno sapere ad AsiaNews che decine di giovani e di sacerdoti da più diocesi della Cina sono stati bloccati dalle autorità proibendo loro di andare in Polonia per incontrare papa Francesco e partecipare alla Giornata mondiale della gioventù (Gmg).

La 31ma Gmg si terrà infatti a Cracovia dal 26 al 31 luglio e il pontefice sarà presente dal giovedì 28 luglio fino alla fine.

Si calcola che quest’anno almeno 2mila giovani dalla Cina popolare andranno a Cracovia. Un giovane della Cina del sud ha detto ad AsiaNews che il loro numero è minore di quello dei giovani andati a Seoul nell’agosto 2014 per la Giornata asiatica della gioventù, in cui è stato presente anche papa Francesco. Molti hanno dovuto rinunciare a viaggiare a Cracovia per il costo troppo alto del biglietto aereo; la crisi economica ha anche ridotto i canali di aiuto tradizionali e molti non hanno potuto trovare sponsor all’interno o all’esterno della Cina.

Alcuni giovani hanno avuto la loro richiesta di visto rigettata. Venendo in Europa, diversi di loro speravano di passare anche da Roma per visitare i luoghi cristiani; altri preferiscono la Francia, facendo tappa a Lourdes e Lisieux, visitando il santuario mariano e i luoghi di santa Teresina del Bambino Gesù.

A Pechino, nel nord e nelle diocesi della costa orientale le autorità del governo hanno proibito a sacerdoti ufficiali e non ufficiali a lasciare il Paese e hanno loro imposto di rimanere in Cina perché considerati troppo vicini al papa.

Un sacerdote della Cina centrale è stato interrogato dalla polizia sulle sue intenzioni. “Vuoi andare in Europa per partecipare al raduno religioso mondiale? Se è così non puoi andare”. Il sacerdote ha mentito: “No, vado solo per turismo”.

Alcuni giovani non hanno ricevuto il passaporto dalle autorità. Altri hanno ricevuto il passaporto e il visto e sono corsi a comprare il biglietto. Ma sono stati fermati all’aeroporto momenti prima di imbarcarsi sull’aereo che li portava in Europa.

Un giovane di Pechino commenta: “Le autorità sanno tutto; sanno che quelli che vanno in Europa in questo periodo potrebbero andare a Cracovia. Il problema sarà quando questi giovani e i sacerdoti ritorneranno in Cina: senz’altro saranno sottoposti a lunghi interrogatori perché hanno osato mescolarsi con giovani fedeli di altre nazioni. Il controllo sulle religioni e l’idea di far crescere una Chiesa nazionale e autonoma fa a pugni con raduni mondiali come quelli della Gmg”.

Un sacerdote della Chiesa ufficiale di Pechino ha detto che se un suo collega va a Cracovia in modo non ufficiale, al suo ritorno rischia di perdere il suo incarico pastorale o gli aiuti governativi alla sua parrocchia.

Asia News,19/07/2016

English article,Asia News:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.