Frode fiscale internazionale su acquisti di merce proveniente dalla Cina. Perquisizioni in tutta Italia.[video]

La guardia di finanza ha sequestrato 1,2 milioni di euro ai titolari di due imprese di Sesto Fiorentino che usavano una ventina di società “cartiere” per frodare l’Erario. Quattro di queste risultavano con sede a Prato.

 

Sono state effettuate a Prato quattro perquisizioni dalla guardia di finanza di Firenze nell’ambito dell’inchiesta su una presunta frode fiscale internazionale che ha portato al sequestro di beni per un valore di 1,2 milioni di euro nei confronti di due imprese di Sesto Fiorentino e dei loro due titolari, originari della Cina.

I sigilli, scattati anche per denaro contante, gioielli, conti correnti, due furgoni e auto di lusso, sono stati disposti dal gip Gianluca Mancuso su richiesta del pm Gianni Tei. Tredici in totale le perquisizioni effettuate, oltre che a Prato, nelle province di Firenze, Pistoia, Torino, Napoli, Milano, Roma e Padova.
.
Secondo quanto accertato dalle indagini, gli imprenditori, attivi nel campo del commercio di abbigliamento e accessori, effettuavano gli ordini in Cina. Invece di essere importata direttamente in Italia, la merce giungeva nell’Est Europeo, dove veniva sdoganata e successivamente fatturata da alcune società del posto a circa una ventina di società con sede in Italia, considerate dagli investigatori dei ‘missing trader’ e definite dallo stesso gip “totalmente prive di una struttura minima che possa essere definita azienda”.
.
Quattro di queste società “cartiere” avevano la sede a Prato anche se, al momento del controllo da parte delle Fiamme Gialle, tutte sono risultate di fatto inesistenti.
.
Il sistema, spiegano ancora i finanzieri, realizzato anche attraverso l’utilizzo di circa 6 milioni di euro di fatture ritenute soggettivamente false, faceva ricadere l’obbligo del pagamento dell’Iva sull’importazione quasi integralmente sulle imprese cartiere, che non provvedevano né a versarla né a presentare le dichiarazioni dei redditi, variando in alcuni casi la sede per poi divenire del tutto inattive e fallire.

Video GdF:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.