Rinnovabili. La Cina è più leader di quanto sembra

La Cina sta emergendo dalla recessione mondiale con un ruolo importante nel campo delle energie pulite e con l’ambizione di diventare in tempi brevi il leader mondiale in questo settore.A sostenerlo è un rapporto del Worldwatch Insititute secondo il quale il gigante asiatico, avvalendosi di una combinazione di progressi tecnologici, di politiche commerciali aggressive e di una forte posizione finanziaria a livello internazionale sta imprimendo una spinta decisiva allo sviluppo delle energie rinnovabili che per intensità e valore degli investimenti non trova eguali nel mondo. Ciò risulta evidente dall’analisi dei risultati conseguiti praticamente in tutti i settori che hanno come obiettivo la sostenibilità energetica. Nell’eolico il mercato cinese ha raddoppiato i suoi valori ogni anno negli ultimi quattro anni. In particolare, nel 2009 ha rappresentato un terzo di tutta la nuova capacità installata a livello mondiale ed è destinato ora a superare gli USA e ad imporsi come il primo mercato a livello globale. Sempre nel 2009, le società cinesi produttrici di moduli fotovoltaici hanno rappresentato il 40% del mercato globale e 5 di esse si collocano ora nella classifica dei primi dieci posti di questo settore. Un solido primato mondiale è oggi espresso dalla Cina anche nel solare termico con una produzione di 40 milioni di metri quadrati nel 2009 corrispondente al 90% del mercato globale. La Cina ha conseguito inoltre risultati importanti anche sul fronte della riduzione dell’intensità energetica (consumo di energia per unità di PIL) diminuendola del 15,9% tra il 2005 e il 2009 e rendendo realistico l’obiettivo del piano quinquennale di una riduzione del 20% alla fine del 2010. Nonostante la forte crescita dei consumi di carbone e petrolio ( rispettivamente raddoppiati e triplicati negli ultimi nove anni per soddisfare un aumento impetuoso della domanda energetica), secondo le proiezioni del Worldwatch Institute la Cina dovrebbe riuscire a portare il contributo delle fonti rinnovabili al 16-20% del consumo totale di energia entro il 2020 e al 40-45% entro il 2050.

Fonte: La Stampa, 2 novembre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.