Rinchen Tsultrim il monaco tibetano scomparso due anni fa è stato condannato e mandato in prigione, dice la famiglia

Secondo un comunicato dei familiari il monaco tibetano è stato incarcerato dopo il suo arresto avvenuto due anni fa con l’accusa di comportamenti mirati  a “dividere il Paese”.  E’ stato condannato in un processo a porte chiuse e sta scontando una pena detentiva di quattro anni e mezzo.

Rinchen Tsultrim, 29 anni al momento del suo arresto avvenuto il 27 luglio 2019 nella contea di Ngaba (in cinese, Aba) del Sichuan per aver espresso pacificamente i suoi pensieri su questioni politiche e sociali tibetane sui social media.

La sorella di Tsultrim, Kunsang Dolma, ha detto a RFA, parlando dalla sua casa in esilio in India, che è stato poi trattenuto senza che sia stata data notizia alla sua famiglia su dove si trovasse fino all’inizio di quest’anno.

“Il 23 marzo 2021, la mia famiglia in Tibet è stata informata dalle autorità cinesi che mio fratello Rinchen Tsultrim è stato condannato a quattro anni e mezzo di carcere e senza un giusto processo ed è ora detenuto nella prigione di Mianyang [del Sichuan] .”

“Era stato avvertito tre volte dalle autorità cinesi per aver espresso i suoi pensieri e scritti su una serie di questioni politiche, sociali e culturali tibetane prima di essere arrestato nel 2019”, ha detto Dolma, aggiungendo: “Una volta è stato anche costretto a firmare alcuni documenti”.

I continui contatti di Tsultrim con i tibetani che vivono in esilio sono stati un altro importante fattore che ha portato al suo arresto, ha detto un tibetano che vive in esilio in India al Servizio tibetano della RFA in un precedente rapporto.

Il separatismo, o “lavorare per dividere il paese”, è un’accusa spesso mossa dalle autorità cinesi contro i tibetani che si oppongono all’assimilazione dell’identità nazionale e culturale distintiva del Tibet nella cultura Han dominante della Cina, e decine di monaci, scrittori, educatori e artisti musicali sono stati incarcerati con queste accuse negli ultimi anni.

Restrizioni delle notizie

Le autorità cinesi in Tibet continuano a rafforzare i controlli sui flussi di informazioni nella regione, arrestando tibetani per aver condiviso notizie e opinioni sui social media e per aver contattato parenti che vivono in esilio, a volte con notizie di manifestazioni anti-cinesi, secondo gruppi per i diritti umani e altri esperti.

Obbiettivi particolari di censura e polizia sono le immagini del Dalai Lama condivise sul cellulare e gli appelli per la conservazione della lingua tibetana, ora minacciata dagli ordini del governo centrale di stabilire il cinese come lingua principale di insegnamento nelle scuole tibetane.

La sicurezza è stata rafforzata in Tibet e nelle aree tibetane della Cina in vista della celebrazione del centenario della fondazione del Partito comunista cinese il 1° luglio, ha affermato Golok Jigme, un ex prigioniero politico tibetano che ora vive in esilio in Svizzera.

“Con l’ avvicinarsi del 100 ° anniversario della fondazione del PCC, l’accesso ai siti web è strettamente controllato e le piattaforme di social media sono particolarmente seguite da vicino”, ha detto Jigme, citando fonti nelle province cinesi di Sichuan, Gansu e Qinghai.

“Chiunque sia sospettato di coinvolgimento in qualsiasi tipo di atto ribelle viene preso in custodia, in quanto il governo cinese non vuole correre rischi”.

Con i tibetani che temono le conseguenze dell’attenzione della polizia, ora è diventato ancora più difficile del solito ricevere notizie o altre informazioni dall’interno del Tibet, ha continuato Jigme.

Una nazione precedentemente indipendente, il Tibet è stato conquistato e incorporato nella Cina con la violenza quasi 70 anni fa, a seguito dei quali il Dalai Lama e migliaia di suoi seguaci sono fuggiti in esilio in India, e Pechino mantiene uno stretto controllo sul Tibet e sulle regioni popolate dal Tibet delle province cinesi occidentali.

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: RFA, 24/06/2021

Articolo in inglese:

Missing Tibetan Monk Was Sentenced, Sent to Prison, Family Says

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.