Rilasciato dopo 10 anni di detenzione Wang Xiaoning

È stato rilasciato il 31 agosto dopo 10 anni di detenzione Wang Xiaoning, meglio conosciuto come ‘il dissidente di Yahoo!’, condannato per aver «incitato la sovversione del potere dello Stato». L’uomo, che oggi ha 62 anni e che è stato più volte torturato in carcere, nel 2003 fu condannato grazie all’aiuto che il motore di ricerca americano diede alle autorità cinesi per svelarne l’identità. Wang, infatti, un giornalista, aveva pubblicato online diversi studi e articoli sulla necessità del multipartitismo in Cina, criticando quindi il partito unico di Pechino. Per risalire alla sua identità, le autorità cinesi utilizzarono la sua mail che era stata aperta tramite Yahoo!, chiedendo alla filiale di Hong Kong del gigante americano, l’identità dell’ignoto scrittore. Il rilascio dell’uomo è stato confermato dalla moglie, Yu Ling, alla Ong Human Rights in China. Wang, secondo quanto ha detto la moglie, poiché non ha mai ammesso la sua colpa, non è stato rilasciato prima della scadenza della condanna. La moglie è andata a prenderlo nella mattinata del 31 agosto in una caserma di polizia per riportarlo a casa, spiegando che l’uomo è molto provato ma in discrete condizioni di salute. La famiglia dell’attivista però non è fiduciosa sul suo e loro futuro. Yu Ling ha detto che Wang «sta lasciando una piccola prigione ma sta entrando in una più grande», spiegando che in questi anni la sua famiglia è stata sotto controllo della polizia. Per i prossimi due anni, Wang sarà ancora privato dei diritti politici.

Fonte: Lettera43.it, 31 agosto 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.