Ricordi di vita in Cina durante il genocidio uiguro

Longread: le amare riflessioni di uno studente americano sui suoi dieci anni in Cina, accanto alla “pulizia etnica” degli uiguri e alla persecuzione dei musulmani.

 

Mi sono trasferito per la prima volta a Pechino dalla remota e montuosa provincia di Guizhou nel 2009. C’erano innumerevoli differenze tra Pechino e la piccola città in cui avevo vissuto, Tongren, e tra queste c’era il fatto che i musulmani erano una presenza molto visibile nel capitale. Raramente ho camminato per le strade senza vedere uomini che indossavano kufi sulla testa. Uomini musulmani di mezza età e anziani con la barba folta si sono distinti in questa parte della Cina dove pochissimi uomini non musulmani portano la barba e le donne musulmane che potevano essere identificate dal loro velo si potevano vedere in tutti i quartieri. I posti dove un non musulmano come me (che, ovviamente, non frequenta la moschea) potrebbe vedere il maggior numero di musulmani in un dato momento erano i deliziosi ristoranti halal sparsi per la città, ma a Pechino in quel periodo ti imbattevi Musulmani hui e uiguri quasi ovunque, quasi ogni giorno. Facevano parte della comunità più grande, una minoranza, sì, ma ben rappresentata e ampiamente dispersa.

Due uomini conversano nella Grande Moschea di Xi'an (西安大清真寺) nel 2009. Questa moschea è frequentata principalmente da musulmani Hui e non da uiguri. Ma, come riportano Bitter Winter e altre fonti, i musulmani Hui non sono stati risparmiati dalle persecuzioni religiose ed etniche sotto Xi Jinping.
Due uomini conversano nella Grande Moschea di Xi’an (西安大清真寺) nel 2009. Questa moschea è frequentata principalmente da musulmani Hui e non da uiguri . Ma, come riportano Bitter Winter e altre fonti, i musulmani Hui non sono stati risparmiati dalle persecuzioni religiose ed etniche sotto Xi Jinping .

Nel 2009 o nel 2010, un amico cinese di etnia Han a Pechino mi ha fatto conoscere il termine ” hamigua “, che significa “melone”. I migliori meloni da mangiare in Cina sono quelli coltivati ​​nella provincia dello Xinjiang , famosa anche per l’uva, le noci e i dolci. Per qualche ragione, la parola “cantalupo” era diventata l’epiteto razziale del giorno per i parlanti mandarini che desideravano denigrare gli uiguri . Più volte sono stato avvertito: “quei meloni sono tutti borseggiatori, fai attenzione se li vedi”.

Ho trovato disgustoso il termine razzista e non ho tollerato che le persone lo usassero con me, né l’ho usato io stesso. A quei tempi era una realtà innegabile che se una persona si avvicinava a te per strada e si offriva di nascosto di venderti un cellulare di fantasia estratto di nascosto dalla tasca di una giacca, molto spesso aveva caratteristiche ovviamente turche, e l’assunto comune sembrava essere che questi ragazzi fossero tutti uiguri dello Xinjiang .

La realtà è sempre infinitamente più complessa di quanto consentano gli epiteti razzisti. La Cina è popolata da un certo numero di popoli turchi che non sono uiguri , inclusi kazaki, tagiki, uzbeki e kirghisi. Inoltre, non tutti gli uiguri sono musulmani (anche se sono nati in famiglie musulmane), e i ragazzi che sono finiti nella clandestinità criminale non dovrebbero essere sfoggiati come rappresentanti della loro religione o della loro etnia. Infine, una lunga storia di violenza etnica e razzismo sistemico in Cina priva gli uiguri di cruciali opportunità di vita. Nella misura in cui i borseggiatori erano in realtà uiguri , molti di loro potrebbero essere stati spinti alla criminalità in virtù del fatto di vivere in un paese che li priva delle opzioni. In ogni caso, quelli che ho sentito usano allegramente la parolaHamigua non sembrava preoccuparsi delle differenze tra uiguri musulmani e non musulmani , né uiguri e altre minoranze turche. Piuttosto, nella conversazione quotidiana, un enorme gruppo di persone veniva ammassato in un’unica categoria basata su ipotesi non esaminate. Il razzismo funziona più o meno allo stesso modo, non importa dove lo trovi.

Anche se ho sentito il termine hamigua usato più volte nel 2009, e mi è stato anche detto da conoscenti cinesi Han a Pechino che alcuni proprietari si rifiutavano di affittare agli uiguri , è stato solo nell’estate del 2010 che mi sono reso conto della gravità dell’anti- Sentimento musulmano e anti-uiguro in Cina.

Un giorno di luglio di quell’anno, ho notato una giovane donna dall’aspetto straniero (non riuscivo davvero a capire da dove potesse essere, ma non pensavo fosse cinese o uigura) sulla piattaforma della metropolitana della stazione Muxidi, guardando la mappa del sistema In un momento di improvvisa apertura mi avvicinai alla mappa, finsi di leggerla io stesso e iniziai una conversazione in inglese. La giovane donna ha risposto alle mie domande in perfetto inglese e mi ha detto che era egiziana e faceva visita a una zia che viveva a Pechino. Abbiamo finito per prendere la metropolitana insieme e abbiamo avuto una lunga e piacevole conversazione. Prima di separarci ci siamo scambiati i numeri di telefono e abbiamo deciso di incontrarci per cena.

Siamo usciti qualche sera dopo e abbiamo scoperto che entrambi stavamo andando a studiare medicina, io medicina tradizionale cinese e lei medicina occidentale. Questo interesse reciproco ha approfondito la nostra connessione e abbiamo iniziato a parlare delle motivazioni dietro le nostre speranze di diventare medici. Prima o poi mi ha chiesto se mi ricordavo da dove veniva. Ho risposto “Egitto”, ma lei ha sorriso timidamente e ha detto che era stata una bugia. “Vengo dallo Xinjiang ”, mi ha detto, “sono uigura. Ma mia zia mi ha avvertito quando sono andata a trovarla a Pechino che qui c’è molto razzismo contro di noi. Ha detto che dal momento che parlo un buon inglese, se le persone chiedono da dove vengo dovrei mentire e dire loro che sono straniero. È meglio che correre il rischio che mi succeda qualcosa di brutto se incontro qualcuno che ci discrimina”.

La sua improvvisa rivelazione mi ha colto di sorpresa, ma date alcune delle cose prevenute che avevo sentito prima, non ero totalmente scioccato. Mi ha chiesto di aiutarla a portare avanti la sua farsa se avessimo incontrato qualcun altro, specialmente i residenti cinesi Han di Pechino, e io ho accettato. Ci siamo frequentati molte altre volte e quando l’ho conosciuta meglio, la profondità del suo impegno per la medicina è diventata chiara. La figlia di un medico occidentale istruito a livello internazionale che è rimasto nel suo nativo Xinjiangper servire la comunità uigura, intendeva assolutamente seguire le orme di suo padre. Mi ha detto che è stata anche ispirata a perseguire una vita di servizio da suo zio, un uomo un tempo bello che inspiegabilmente ha contratto una malattia sconosciuta che lo ha fatto deperire nel corso di diversi anni. Alla fine la famiglia ha scoperto, solo a causa di una notizia, che suo zio si era nascosto per donare il sangue molto più spesso di quanto fosse sano, perché aveva un gruppo sanguigno raro. Ha tenuto questo segreto per anni, nonostante il tributo che stava facendo sulla sua salute.

L’intelligenza della mia amica, la padronanza di diverse lingue, l’energia giovanile e la bellezza le avrebbero aperto molte porte se avesse desiderato uno stile di vita cosmopolita in una delle moderne megalopoli cinesi o all’estero. Ma non c’era niente in quella vita che trovasse seducente. Credeva che la comunità uigura nello Xinjiang stesse soffrendo a causa della mancanza di professionisti medici altamente qualificati (oltre a una serie di altri problemi socioeconomici e politici), e intendeva assolutamente mettersi al volante per guarire malata nella sua stessa città. Dato che ci siamo incontrati solo un mese e mezzo prima che iniziassi la scuola di medicina a Shanghai, il suo altruismo e la sua determinazione hanno fatto una profonda impressione su di me. Abbiamo promesso di rimanere in contatto quando finalmente avrebbe lasciato Pechino pochi giorni dopo.

Uomini musulmani nel bazar che circonda la Grande Moschea di Xi'an.
Uomini musulmani nel bazar che circonda la Grande Moschea di Xi’an.
I lettori sono invitati a guardare l’immagine qui sopra. Dubito che potrò mai fotografare un sorriso più caloroso di quello raggiante dall’uomo al centro che indossa un kufi (taqiyah) in cima alla testa. Ogni volta che leggo asini, tentativi razzisti di giustificare l’oppressione dei musulmani da parte della Repubblica Popolare Cinese, come quelli dell’autore di “The Three Body Problem”, Liu Cixin, fatto quando intervistato da Jiayang Fan per The New Yorker(“Preferiresti che trucidassero i corpi nelle stazioni ferroviarie e nelle scuole durante gli attacchi terroristici? Semmai, il governo sta aiutando la loro economia e sta cercando di tirarli fuori dalla povertà”), non posso fare a meno di ricordare la gentilezza di quest’uomo, volto contagiosamente gioioso e amorevole. Un mix velenoso di estrema insensibilità e ostinata ignoranza è necessario perché chiunque pensi che un piccolo numero di attacchi terroristici commessi da una manciata di estremisti giustifichi l’ abbrutimento sfrenato di milioni di persone attraverso campi di concentramento, schiavitù, alloggi, obliterazione della cultura e della lingua, e la messa al bando del credo religioso.

Dopo essere arrivato a Shanghai nell’autunno del 2010, i rigori del mio primo anno di medicina (un mix di medicina tradizionale cinese e occidentale, insegnata interamente in cinese) mi hanno rapidamente privato del tempo libero di cui avrei avuto bisogno per esplorare la città come Ho avuto Pechino, tanto meno ho riflettuto su questioni sociali apparentemente distanti. Tuttavia, ho notato che, proprio come a Pechino, i musulmani – spesso con le caratteristiche turche comuni agli uiguri – potevano essere visti in tutta l’area metropolitana di Shanghai. Proprio come a Pechino, i musulmani sembravano essere una minoranza che era saldamente parte della città, qualunque fosse il problema nascosto sotto la superficie.

All’inizio del 2013, Xi Jinping ha preso il potere. Nel primo anno del suo regno era palpabile nell’aria una sorta di entusiasmo. Il motivo era semplice: aveva promesso di affrontare la tremenda corruzione del Partito Comunista Cinese, che era la rovina della vita della gente comune. Durante il suo primo anno alla guida del governo cinese non era ancora chiaro se le epurazioni di funzionari corrotti – la cui notizia era seguita con entusiasmo dall’opinione pubblica – fossero in realtà purghe dei suoi rivali politici. Inoltre, Internet è rimasto aperto come era diventato sotto il precedente premier, Hu Jintao, con le persone che godevano della nuova capacità senza precedenti di esprimersi pubblicamente. La censura di blog e microblog era ancora relativamente leggera (dal PCCstandard), e la nuovissima app WeChat sui nuovissimi e popolarissimi smartphone metteva in contatto le persone in modi entusiasmanti. C’era, per quelli inclini a farsi coinvolgere in momenti storici, una sensazione di “primavera nell’aria” in quel momento. L’entusiasmo generale che ha animato le persone durante le Olimpiadi estive del 2008 a Pechino, la ripresa dalla crisi fiscale poco dopo (una ripresa che ha comportato la costruzione di incredibili treni ad alta velocità) e la Fiera mondiale di Shanghai nel 2010 è stata abbinata all’apertura di Internet alla libertà di parola, all’internazionalismo crescente, a una nuova cultura del consumo (Taobao! Centri commerciali!) e, naturalmente, al progresso economico che ha toccato direttamente la vita della maggior parte delle persone. Queste cose avevano notevolmente migliorato il morale nazionale, e ora c’era un nuovo capo in cittàche ha promesso di spazzare audacemente la corruzione all’interno dello stesso Partito Comunista Cinese. La vita stava guardando in alto! Lunga vita al presidente Xi!

Non ricordo con precisione quando il proverbiale cielo ha cominciato a scurirsi, ma non appena è iniziato questo processo, si è svolto rapidamente. Quello che ricordo è il momento in cui potevo dire che i bei tempi della Cina del “apriamoci al mondo per le Olimpiadi” di Hu Jintao erano definitivamente finiti. Un mio ricco datore di lavoro e poi mecenate mi aveva invitato a fargli visita nella provincia di Shandong, dove mi ha sistemato in un albergo. La prima notte, mi ha accompagnato mentre portavo i bagagli in camera mia e poi mi sedevo per il tè, che ci versavamo seduti su poltrone a sei metri buoni dalla porta. La mia camera era l’ultima di un lungo corridoio, priva di persone, le nostre voci erano attutite dal pesante tappeto e stavamo parlando abbastanza piano, quindi non c’era motivo di chiudere la porta mentre ci incontravamo davanti a un tè caldo. Tuttavia, a un certo punto il mio conoscente ha iniziato a recitare il boilerplate di base su che uomo straordinario Xi Jinpingpresumibilmente era. Ricordo, distintamente, come sia arrivato persino al punto di esprimere poeticamente come Xi abbia “una fisionomia facciale che mostra che è destinato a essere un imperatore”. Questa affermazione, che suona bizzarra alle orecchie straniere, è una cosa abbastanza comune da sentire in Cina, dove augurare il futuro delle persone sulla base delle loro caratteristiche facciali o chiromanzia è ancora di rigore. Ma questa era la prima volta che lo sentivo provenire da una persona la cui opinione prendevo abbastanza sul serio.

Ho educatamente ascoltato il mio amico, prima di intervenire per dire che oltre a tali elogi rosei, negli ultimi mesi avevo anche sentito un aumento dei dubbi su Xi, soprattutto per quanto riguarda il modo in cui sembravano le sue purghe di “funzionari corrotti” sempre più purghe degli avversari politici. Il mio amico è diventato improvvisamente molto solenne e mi ha fatto cenno con la mano di smettere di parlare. Si guardò intorno, poi si alzò, si diresse verso la porta, sbirciò nel corridoio ancora vuoto, chiuse dolcemente a chiave la porta e poi tornò al suo posto senza dire una parola. Sporgendosi in avanti fino a quando non siamo stati a pochi centimetri l’uno dall’altro, ha detto, a bassa voce: “Sì, beh, è ​​vero, ci sono infatti molte persone che dicono che Xi Jinpingsembra che si stia trasformando in una specie di tiranno”. Si ritirò nel silenzio, e la discussione finì lì.

L’esagerata cautela del mio conoscente avrebbe potuto essere divertente se non fosse stato mortalmente serio. Non avevo mai visto quest’uomo, un ricco amministratore delegato di una grande azienda con migliaia di dipendenti e centinaia di vetrine, uffici e fabbriche in tutta la Cina, mostrare mai qualcosa di diverso da una propensione per la gioiosa enfasi e, quando era ubriaco, un’eccessiva sicurezza di sé. Vederlo diventare così spaventoso, anche quando nessuno avrebbe potuto essere vicino alla nostra stanza… È stato uno shock e mi ha ricordato quanto pericolo si annida nella vita dei cittadini della RPC, anche se godono di un vero grado di ricchezza, potere e prestigio. Quanto più pericolo deve esserci, quando mancano queste tre cose.

Con il passare dei mesi e degli anni, chiunque prestasse attenzione poteva vedere che Xi Jinping stava avidamente reprimendo la libertà di parola e l’anonimato su Internet, la libertà di reportage nei media, la libertà di espressione nell’intrattenimento, la libertà di opinione e ricerca in campo educativo, libertà di religione e così via. Anche i tratti “effeminati” delle celebrità maschili sono stati proibiti , per timore di sovvertire le fantasie di Xi di un’identità nazionale macho-man. Il creep ha gradualmente preso velocità, fino a quando, nel giro di pochi anni, l’entusiasmo dell’inizio del 2013 è stato sostituito dalla sensazione che stesse nascendo un nuovo sequel più tranquillo, digitalizzato e in rete della Rivoluzione Culturale .

Suppongo che fosse circa il 2016, quando il ” panopticon ” della sorveglianza di massa e i primi annunci del prossimo Social Credit Score sono diventati di dominio pubblico, quando le lodi sfacciate per Xi Jinping sono scomparse dalle labbra di molti miei amici e conoscenti cinesi (mentre è andato nella direzione esattamente opposta, alcuni di loro ora si riferiscono senza fiato a Xi come “Dada”, un termine di alcuni dialetti locali che può significare “papà” o “zio”), e quando un numero sempre crescente di amici – stranieri e locali – tornarono ad esprimere silenziosamente ma apertamente il loro disgusto per il PCC . La “più grande mafia del mondo” e il “più grande culto del mondo” sono entrambi termini che ho imparato sentendoli ripetere dai cittadini della Rifondazione che descrivono il Partito Comunista Cinese. Alcune delle cose che ho sentito da persone che hanno sofferto personalmente a causa del malgoverno del PCC non erano meno spaventose e terrificanti di quelle documentate in The Spider Eaters , The Autobiography of a Tibetan Monk, The Cowshed: Memories of the Chinese Cultural Revolution , e molti altri libri. Ma una cosa è leggere di queste cose in inglese, un emisfero lontano dalla terra da cui sono emersi i loro autori. Ed è qualcosa di molto diverso sedersi e ascoltare in un silenzio teso, con una persona che si rifiuta di lasciarti interrompere il contatto visivo, mentre recita un elenco di questi terrori dalla memoria personale e vissuta.

Una scena di strada nei pressi della Grande Moschea di Xi'an nel 2009.
Una scena di strada nelle vicinanze della Grande Moschea di Xi’an nel 2009.
Avevo visitato per la prima volta la “repubblica popolare cinese” nel 2007, e mi ero trasferito lì all’inizio del 2008. Ho vissuto in Cina fino alla fine di luglio 2017 e ha continuato a visitare regolarmente fino alla fine del 2019, a volte per diverse settimane alla volta. La varietà di copricapi tradizionali musulmani visti nella foto sopra era uno spettacolo quotidiano in tutta Pechino e Shanghai fino alla metà degli anni 2010. Quando ho lasciato la Cina nel 2017, kufi e hijab erano spariti dalle strade dei quartieri che frequentavo a Pechino. Li ho visti solo nei camerieri del numero notevolmente ridotto di ristoranti “Northwest Cuisine” (西北菜) che servivano piatti comuni alle province di Xinjiang , Gansu e Qinghai, che hanno grandi popolazioni musulmane.

Quando sono tornato a Pechino da Shanghai nell’autunno del 2013, la popolazione musulmana era ancora molto visibile, ma il 28 ottobre di quell’anno la marea ha cominciato a cambiare. Fu in quel giorno che un’auto si schiantò contro una folla in Piazza Tiananmen, uccidendo due civili. Si dice che l’autista fosse un musulmano uiguro. L’atto di violenza, che ha scioccato la nazione, è stato etichettato come un attacco terroristico.

Sei mesi dopo, nel marzo 2014, ci fu un altro attacco attribuito ai musulmani uiguri, questa volta nella provincia dello Yunnan , quando individui armati di coltello uccisero trentuno persone in una stazione ferroviaria. È stato, senza dubbio, un incidente orribile, e il paese stava prestando attenzione rapita. Sapevamo tutti che l’apparato di sicurezza nazionale della RPC era stato completamente mobilitato per attaccare i “separatisti” dello Xinjiang , ma non potevamo sapere che Xi Jinping aveva ordinato alle forze antiterrorismo di “essere dure come loro e di non mostrare assolutamente alcuna pietà” in segreto discorsi il cui testo è stato rivelato nel 2019 dal New York Times .

Ancora impegnato con la scuola di medicina, non ho seguito da vicino le notizie che provenivano dallo Xinjiang . Ma alla fine del 2015 la provincia era ancora una volta sulla punta della lingua della gente, quando gli uiguri presunti terroristi sono stati trovati o inseguiti nelle caverne nella provincia dello Xinjiang , e poi sono stati uccisi in massa con i lanciafiamme . Molti cinesi Han che conoscevo hanno elogiato apertamente la brutalità con cui i presunti terroristi sono stati schiacciati, reagendo non diversamente da come, sono sicuro, fanno molte persone in paesi di tutto il mondo quando i terroristi (presunti o reali) vengono eliminati.

In questo momento ho iniziato a notare un aumento della disponibilità generale a parlare dei musulmani, specialmente degli uiguri , in termini incredibilmente denigratori, termini che crescendo in America mi hanno insegnato a identificare immediatamente come razzisti, ma che i miei insegnanti e anziani in Cina hanno insistito erano semplicemente buon senso. Molte volte, per esempio, un mio istruttore di arti marziali di mezza età con l’amore per il corteggiamento con i suoi studenti dopo le lezioni si lanciava in spontanee divagazioni anti-uigure. Ogni volta che gli veniva suggerito che era troppo prevenuto, si difendeva rapidamente con il seguente ragionamento: “No, no, no, non sono anti-musulmano, vedi. Abbiamo avuto HuiMusulmani in Cina da secoli, stanno bene, sono grati di essere qui e non creano problemi, sono i musulmani uiguri che sono ingrati, pericolosi e arretrati, sono diversi. Se si assimilassero alla cultura Han come gli Hui , non ci sarebbero più problemi”. Va da sé che questa difesa era capziosa, ma vale anche la pena ricordare che essere visti come “minoranze modello” non ha risparmiato i musulmani Hui dai recenti cicli di persecuzione religiosa sotto il PCC .

Una pianta decorativa e un muro di pietra scolpita nella Grande Moschea di Xi'an, 2009. Foto © Mattias Daly
Una pianta decorativa e un muro di pietra scolpita nella Grande Moschea di Xi’an, 2009. Foto © Mattias Daly

Il governo cinese, come spesso si lamentano i commentatori, fa le cose in fretta . Ed è stato con rapidità che la popolazione di uiguri ha cominciato a precipitare a Pechino. Non so esattamente come sono stati “trattati”, ma entro il 2015 o il 2016, è diventato una rarità per vedere kufis e il velo ovunque al di fuori di un numero ormai molto ridotto di ristoranti halal o in quartieri come Niujie in Xicheng di Pechino Distretto , che custodisce una grande moschea con una storia millenaria.

Non so se i musulmani Hui , le cui fattezze sono generalmente molto simili a quelle dei cinesi Han, siano stati allontanati dalla città, o se siano rimasti a Pechino mentre smettevano di indossare in pubblico copricapi tradizionali musulmani o di farsi crescere la barba. La popolazione uigura, tuttavia, è diminuita notevolmente, così che entro il 2016, se avessi visto una persona dall’aspetto uiguro per strada, la mia reazione inconscia sarebbe stata: “whoa, come sei arrivato qui?” Nella mia classe di medicina avevo compagni di classe del Kazakistan e del Kirghizistan, a cui entrambi erano abituati a sentirsi chiedere se fossero uiguri a causa delle loro caratteristiche turche. Ma hanno iniziato a esprimere nervosismo per i crescenti sentimenti anti-uiguri a Pechino e mi hanno detto che ora erano pronti a dire alla gente che erano stranieri.

La pulizia etnica stava avvenendo tutt’intorno a noi, chiaramente visibile, eppure non l’ho mai sentita nominare. In mezzo all’incessante vortice di cambiamento della Cina; il silenzio assoluto al posto del dialogo pubblico e del dissenso che esiste dove c’è libertà di parola, stampa e protesta; lo sgombero di massa di milioni di poveri lavoratori migranti da Pechino che avveniva simultaneamente; e il nostro schiacciante corso di medicina si riempie… In mezzo a tutto questo, in qualche modo, non ce ne siamo accorti. Abbiamo tutti sentito il mito che una rana non percepirà l’aumento della temperatura se è nell’acqua che sta lentamente bollendo. Questo non è vero: le rane hanno il buon senso di liberarsi dal vaso non appena percepiscono il pericolo. Il mito persiste, non perché dice qualcosa sulle rane, ma perché descrive noi umani in modo così perfetto.

Poco dopo essere tornato a Pechino da Shanghai, all’inizio dell’autunno del 2013 (prima dei suddetti attacchi terroristici a Piazza Tiananmen e nello Yunnan), il mio amico studente di medicina uiguro dalla piattaforma della metropolitana è passato per Pechino. Non ci vedevamo da tre anni, ma essendo rimasti in contatto per telefono, siamo stati felici di incontrarci finalmente di persona. Mi ha detto che aveva completato una parte dei suoi studi di medicina in Cina e stava progettando di continuare i suoi studi all’estero, in un paese dove la qualità dell’istruzione medica è molto superiore a quella cinese. Ma è rimasta ferma come sempre sul fatto che non sarebbe mai rimasta all’estero. Aveva intenzione di tornare presto a casa per stare vicino alla sua famiglia e fornire servizio nello Xinjiang. Dopo quel pranzo siamo rimasti in contatto per un po’, ma i rigori dei miei studi e le vicissitudini della vita mi hanno fatto passare parecchio tempo senza scambiare messaggi.

Non ricordo quando le prime voci sui campi di concentramento nello Xinjiang hanno iniziato a filtrare nella mia vita a Pechino, potrebbe essere stato il 2016 o il 2017. Tuttavia, nell’estate del 2017, il giornalista americano Ben Dooley, un mio amico che lavorava per l’Agence France-Presse a Pechino, è andato nello Xinjiang per fare ricerche sull’oppressione degli uiguri . Quello che mi ha descritto quando è tornato sembrava estremamente simile a quello che si può vedere nel documentario di Vice del 2019, ” China’s Vanishing Muslims: Undercover In The Most Dystopian Place In The World “.

Ben ha descritto di essere seguito e interrogato ovunque andasse, mentre gli era proibito visitare la maggior parte dei luoghi in cui sperava di andare. Inutile dire che non ha visitato alcun campo di internamento. Ma mi ha descritto un mondo molto inquietante, in cui regnano posti di blocco, scanner a raggi X e sorveglianza. Un mondo in cui gli uiguri non possono nemmeno fare la spesa senza passare attraverso i metal detector e mostrare un documento d’identità, e dove nessun locale ha osato parlargli. La sua conclusione – e questo non è un uomo incline all’isteria – fu che il presunto arcipelago dei campi di concentramento esisteva quasi certamente. In quel momento il governo cinese stava ancora negando categoricamentel’esistenza dei campi; solo nell’ottobre del 2018 hanno compiuto un voltafaccia kafkiano, ammettendo che lì ci sono le centinaia di campi di concentramento, ma definendoli “ centri di formazione professionale volontaria ”.

Le osservazioni di Ben Dooley nello Xinjiang mi hanno provocato uno shock che non è mai svanito. La storia di Ben mi ha riempito di una terribile preoccupazione per il destino del mio amico studente di medicina dello Xinjiang. Mi ha anche sbalordito nel rendermi conto che ho assistito alla lenta scomparsa dei volti uiguri in particolare e dell’abbigliamento musulmano in generale dalle strade di Pechino, una città in cui ho vissuto per cinque anni e mezzo, senza mai comprendere la gravità della situazione. In silenzio, ma con efficienza industriale, Pechino era stata ripulita etnicamente. Le persone se ne erano andate di corsa o di corsa – non ho mai visto come, e gli organi di informazione e propaganda tacevano su questo fronte – ed erano state costrette a tornare alle loro “città natali” (le località dove il loro hukou, o “registrazione domestica ufficiale” “documenti dichiarati di appartenenza). Sono tornati in una provincia ricostruita come prigione a cielo aperto sotto Chen Quanguo, un PCCfunzionario che si è fatto le ossa gestendo lo stato di polizia che è il Tibet moderno. La stragrande maggioranza di noi a Pechino, sia locali che stranieri, era ignara del trasferimento forzato di centinaia di migliaia di uiguri che ha avuto luogo intorno a noi.

Disgustato di me stesso per non essere stato in contatto con la mia amica per così tanto tempo mentre tutto questo stava accadendo, ho subito provato a chiamarla. Il suo numero era fuori servizio. Ho chiamato il numero innumerevoli volte da allora, ma non è cambiato nulla.

Un poster di protesta su un muro di Lennon a Taiwan nel 2019 confronta l'internamento di massa degli uiguri sotto Xi Jinping con l'internamento di massa di ebrei e altre minoranze sotto Adolf Hitler. La prima riga recita: "Campi di concentramento nazisti - i detenuti sono stati costretti nelle camere a gas". La seconda riga recita: "campi di concentramento dello Xinjiang: i detenuti vengono sterilizzati con iniezioni velenose e costretti ad abortire".
Un poster di protesta su un muro di Lennon a Taiwan nel 2019 confronta l’internamento di massa degli uiguri sotto Xi Jinping con l’internamento di massa di ebrei e altre minoranze sotto Adolf Hitler. La prima riga recita: “Campi di concentramento nazisti – i detenuti sono stati costretti nelle camere a gas”. La seconda riga recita: “I campi di concentramento dello Xinjiang : i detenuti vengono sterilizzati con iniezioni velenose e costretti ad abortire”.

Naturalmente, non posso concludere da un singolo numero di telefono disconnesso che il mio amico era o è imprigionato in un campo di concentramento nello Xinjiang . È possibile che abbia continuato i suoi studi di medicina in Occidente e abbia trovato un modo per rimanere all’estero. È possibile che sia tornata nello Xinjiang , dove ha subito una forma di prigionia “minore” rispetto al campo di concentramento, come il dover “semplicemente” rimanere nella città in cui è registrato il suo hukou, forse in una delle case di famiglia dove un milione di PCC i quadri vengono regolarmente mandati a vivere, dormire, mangiare, fare la spia e… peggio.

Quello che so è che le persone come il mio amico sono etichettate come ad alto rischio secondo le metriche paranoiche del PCC , che cercano di eliminare gli uiguri che hanno studiato o lavorato all’estero. Poiché è una donna multilingue con esperienza all’estero che possiede anche un potente senso di identità uigura, gli algoritmi che decidono se una persona è “pericolosa” avrebbero segnalato il mio amico molto tempo fa.

Poco dopo che non sono riuscito a contattarla al telefono nel 2017, mentre ero ancora a Pechino, mi sono resa conto che non potevo cercarla, nemmeno su Internet, senza mettermi in serio pericolo di persecuzione o prigionia. Anche ora che ho lasciato la Cina senza alcuna intenzione di tornare fino alla fine del regno del Partito Comunista, cercare il mio amico da lontano renderebbe la vita peggiore per lei e anche per la sua famiglia. Il governo della RPC è noto per aver punito gli uiguri nello Xinjiang per le azioni compiute per loro conto all’estero.

Potresti aver notato che non ho nominato la mia amica, la sua città natale nello Xinjiang , o anche il paese in cui ha viaggiato per studiare. La situazione è così terribile nella Cina di Xi Jinping che non gioco nemmeno con la fantasia di provare per aiutare direttamente il mio amico. Se si trova in un campo di concentramento e viene all’attenzione del PCC che c’è un americano che usa Internet per cercare di trasformare la sua scomparsa in un “incidente internazionale”, qualunque privazione soffra non farà che peggiorare. La tortura e lo stupro sono molto diffuse nei campi di concentramento (oltre alle prigioni e nei campi utilizzati per contenere i tibetani, Falun Gong i praticanti, i diritti umani avvocati, attivisti e troppi altri).

Se la mia amica non viene imprigionata, ma resta in Cina, metterla sotto i riflettori potrebbe ancora peggiorare le sue condizioni. Nello Xinjiang , i membri della famiglia dei giornalisti di Uyghur Radio Free Asia che lavorano al di fuori della Cina sono stati arrestati per vendicarsi dei loro parenti giornalisti. Persino gli uiguri che vivono fuori dalla Cina sono stati intimiditi, molestati e posti sotto sorveglianza , oltre a dover affrontare il rimpatrio forzato. Il governo della RPC è così sfacciato nelle sue campagne per soffocare il dissenso che ha parcheggiato false auto della polizia cinese fuori dalle case degli uiguri in Australia. Con queste cose costantemente in mente, è difficile immaginare cosa potrei fare per aiutare direttamente il mio amico. Per quel poco che vale, la mia migliore e unica opzione sembra essere quella di pubblicare questo saggio.

Stampe che protestano contro la brutalità della polizia introdotta a Hong Kong dalla parte comunista della Cina, dal muro di Lennon nel 2019. I destini del popolo dello Xinjiang e di Hong Kong sono collegati dalla fredda brutalità della Repubblica popolare cinese sotto Xi Jinping.
Stampe che protestano contro la brutalità della polizia introdotta a Hong Kong dalla parte comunista della Cina, dal muro di Lennon nel 2019. I destini del popolo dello Xinjiang e di Hong Kong sono collegati dalla fredda brutalità della Repubblica popolare cinese sotto Xi Jinping .

La scomparsa dei musulmani da Pechino tra il 2013 e il 2016 è stata un’anticipazione di una seconda ondata di sparizioni, molto più visibile, forse semplicemente perché il suo obiettivo di rimuovere due milioni di persone dalla città entro due anni ha reso impossibile la sottigliezza e la segretezza. Questa ondata di sparizioni si è concentrata sui  lavoratori migranti.Classificate come “migranti” perché prive del “permesso di soggiorno a Pechino”, queste erano le persone che, a partire dagli anni Ottanta, arrivavano in cerca di lavoro. Hanno costruito un mare di grattacieli scintillanti e hanno preso i lavori duri e poco pagati che permettono a una città di funzionare, spesso mettendo radici proprie. Nonostante non avessero documenti di residenza, i migranti possedevano decine di migliaia di piccole attività commerciali intorno a Pechino, inclusa la maggior parte dei ristoranti dove ho mangiato. Molti cosiddetti migranti hanno cresciuto le loro famiglie in città. Anche le persone nate in città non erano esenti da questa etichetta: non esiste una “cittadinanza per nascita” a Pechino. E così, quasi da un giorno all’altro, a due milioni di queste persone è stato ordinato di andarsene.

Attraverso un processo iniziato nel 2016 e che ha raggiunto il culmine nel 2017, le vite dei migranti sono state capovolte. Ho assistito personalmente all’improvviso svuotamento di intere strade piene di centinaia (sì, centinaia!) di negozi. Senza preavviso, squadroni eterogenei di “ufficiali delle forze dell’ordine locali” scendevano in una strada per sventrare negozi o abbattere abitazioni, sporcando le strade con il contenuto di un edificio mentre folle di occupanti inermi e polizia armata guardavano. Non appena fossero stati spogliati dei loro interni, le vetrine dei negozi sarebbero state murate. Ho visto questo processo svolgersi in due quartieri. Ci sono voluti solo tre giornicompletare. La violenza provocata da queste azioni contro il tessuto delle comunità era impossibile da ignorare e la città ribolliva silenziosamente di rabbia, con persino alcuni “residenti ufficiali” di Pechino che si opponevano apertamente agli sgomberi e offrivano carità agli sfollati.

Durante questa campagna contro i lavoratori poveri, intrapresa sotto la bandieradel “socialismo”, ho perso i contatti con altri ancora amici e conoscenti. Uno era un massaggiatore medico incredibilmente gentile, il Dr. Zhang, che aveva una piccola clinica che frequentavo nel 2010. Vedendo il mio interesse per il massaggio tradizionale, il Dr. Zhang alla fine è diventato un mentore per me e mi invitava a pranzi enormi. cucinato per il suo personale. Quando sono tornato a Pechino nel 2013, vivevo dall’altra parte della città e raramente mi recavo nella clinica del dottor Zhang. Ma quando sono andata nel suo quartiere nell’estate del 2017 per condividere la notizia che avevo finalmente finito la scuola di medicina, sono rimasta a bocca aperta. Ogni ultimo negozio, un isolato dopo l’altro, era murato e ridipinto. Centinaia di piccole imprese erano scomparse, senza lasciare tracce della vita di strada recentemente movimentata della zona e nessuna traccia dei suoi ex abitanti. Un altro addio.

Quell’estate vide anche la morte dello scrittore dissidente e premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo. Prigioniero di coscienza per molti anni, è stato “liberato” mentre si trovava negli stadi finali del cancro al fegato. Ha chiesto di recarsi in Germania per il trattamento dopo il suo rilascio, ma la richiesta è stata rifiutata ed è morto in un ospedale cinese un mese dopo.

Dopo aver completato uno stage di un anno presso l’ospedale dell’amicizia Cina-Giappone a Pechino, sapevo come funzionavano gli ospedali locali e quanto potere esercitavano in essi i quadri comunisti. Ho capito che Liu, che è rimasto in carcere fino a quando il suo cancro non è stato quasi inoperabile, non è mai stato concepito per essere salvato. È stato mandato in un ospedale in punto di morte in modo che le notizie internazionali non potessero riferire che è morto in prigione. Essendomi laureato in medicina solo pochi giorni prima e preparandomi per un’ulteriore formazione medica con una “borsa di studio del governo cinese”, il modo in cui il destino di Liu è stato segnato mi ha fatto gelare il sangue. Ero su una strada che portava a un possibile impiego in un ospedale statale, le mie tasse scolastiche e le spese di soggiorno pagate da un governo che stava costruendo furiosamente campi di concentramento e che non ha avuto scrupoli a negare cure mediche a un pacifico dissidente di fama internazionale finché la morte non fosse alla sua porta. Fino a che punto dovrei sacrificare i miei valori per rimanere su questa strada? Cosa avrei fatto se fossi stato uno stagista nell’ospedale in cui Liu è stato rilasciato?

È stata un’estate di addii unilaterali, pronunciati a numeri di telefono scollegati, vetrine murate e a coloro che immagino avrebbero partecipato a una veglia per Liu Xiaobo, una simile veglia potrebbe verificarsi a Pechino senza che ciò conduca a arresti di massa. Nonostante il fatto che avrei lasciato una carriera, una vita costruita nel corso di nove anni e mezzo e innumerevoli amici, mi sono reso conto che il mio tempo in Cina era giunto al termine. Me ne andai, non perché non mi sentissi più a casa lì, ma proprio perché cominciavo a vedermi parte di questa società e non solo un “ospite straniero”. Pienamente fluente in mandarino, esperto nelle usanze locali e pienamente consapevole della direzione in cui Xi sta guidando il paese, non potevo più sedermi e guardare in silenzio, dicendomi che il mio silenzio è giustificato perché, come straniero, Non sono in grado di giudicare questa nazione. Un decennio è abbastanza lungo per diventare un locale. Ma c’è solo un posto nella Repubblica popolare cinese in cui il tipo di locale che voglio essere può esistere, e confesso di non avere il coraggio di scegliere una vita di celle di cemento e filo spinato, come Liu einnumerevoli altri prigionieri di coscienza hanno.

Un decennio trascorso in Cina mi ha lasciato con domande che richiederanno una vita per essere risolte, ma ha anche risposto a una che mi perseguitava mentre crescevo in una parte degli Stati Uniti dove la storia dell’olocausto di Hitler era una presenza costante nella scuola curriculum. Mi sono sempre chiesto quali sentimenti vorticassero nei cuori degli innumerevoli civili che sono rimasti a guardare mentre i nazisti consegnavano milioni ai campi di concentramento. Una serie di possibili risposte mi riempiva la mente, ma ce n’era una che non avevo mai considerato: niente , proprio niente. Non solo gli uiguri, ma la maggior parte dei segni esteriori della fede musulmana sono stati sradicati dalla stessa città in cui ho vissuto, e ho appena battuto ciglio. Non ho nemmeno pensato di chiamare il mio amico uiguro finché un testimone oculare non mi ha descritto la prigione a cielo aperto cheLo Xinjiang era diventato nel 2017. Ora mi viene in mente che molti cittadini tedeschi di base degli anni ’30 e ’40 potrebbero semplicemente essere stati … non prestando alcuna attenzione.

Non ero solo nella mia ignoranza, né questa ignoranza era limitata alla “questione uigura”. Durante la cena a Pechino la sera dopo la morte di Liu Xiaobo, ho chiesto a due amici cinesi che erano apertamente critici nei confronti del PCC se avessero sentito la notizia della sua scomparsa. Entrambi trentenni, non sapevano nemmeno chi

Liu era, e uno ha mostrato il suo telefono per cercarlo su Baidu. È stato indirizzato a un paragrafo anodino, “politicamente corretto” pensato per coloro che vivono dietro il Great Firewall. La pagina non ha nemmeno menzionato che Liu era morto. I miei amici mi hanno guardato perplessi, e quando ho cercato di spiegare il significato globale di Liu, i loro occhi si sono subito vitrei. Il massacro di piazza Tiananmen del 4 giugno 1989 è stato così sepolto in Cina che non è difficile trovare giovani che dicano di non averne nemmeno mai sentito parlare, mentre altri insistono sul fatto che si tratta di un rumor, o “fake news. ” Ma possiamo incolpare del PCC l’ ignoranza della difficile situazione degli uiguri o degli attivisti per i diritti umani in Cina?censura da sola? Quanta attenzione prestano quelli di noi che vivono fuori dalla Cina ai genocidi culturali al rallentatore che colpiscono uiguri , tibetani, mongoli e altre minoranze in Cina? L’attenzione, da sola, varrebbe qualcosa?

Due sere fa ho visitato un Uniqlo nel centro di Taipei con un amico. Mentre faceva la spesa, ho chiesto a un impiegato quali misure ha preso l’azienda per assicurarsi di non approvvigionarsi di cotone prodotto attraverso il lavoro forzato nello Xinjiang . Incapace di rispondere, l’impiegato è andato e ha trovato un manager, che è venuto e mi ha detto allegramente: “noi personale in prima linea non sappiamo cose del genere, forse potresti chiamare la sede dell’azienda nei giorni feriali”, e poi se ne andò. Per un momento fui soddisfatto della sua risposta, prima di notare con allarme la facilità con cui le mie preoccupazioni stavano scivolando nel soffice regno della disconnessione e del compiacimento. Mi sono rivolto all’impiegata e le ho chiesto di prendere nota del mio numero di telefono e indirizzo e-mail e di chiedere a qualcuno nella direzione di Uniqlo che potesse rispondere alle mie domande di contattarmi.

È stato un gesto minuscolo, e se sono l’unica persona che lo fa, sicuramente inefficace. Ma era infinitamente più che lasciare allegramente coloro che erano stati strappati alla vista, cadere dalla mente. Era il minimo che potessi fare per il mio amico senza nome e perduto da tempo. E, per quanto minuscola, questa azione era una di quelle che non potevo intraprendere a Pechino senza rischiare la perdita della mia libertà. Il PCC ha tolto alle persone il diritto di fare domande, perché le domande hanno potere. Questa non sarà l’ultima volta che eserciterò il mio diritto di chiedere una risposta, e spero di non essere solo.

Tra le lastre di pietra bagnate dalla luce del sole in un angolo tranquillo della Grande Moschea di Xi'an, tra le fessure cresce un cespuglio solitario, circondato da piantine.
Tra le lastre di pietra bagnate dalla luce del sole in un angolo tranquillo della Grande Moschea di Xi’an, tra le fessure cresce un cespuglio solitario, circondato da piantine. 

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: di Mattias Daly Bitter Winter.org,08/06/2021

Articolo in inglese:

A Slow Boil: Memories of Life in China During the Uyghur Genocide 

 

Mattias Daly ha studiato sociologia all’Università di Chicago e agopuntura all’Università di Medicina Cinese di Pechino. Attualmente lavora come traduttore/interprete a Taiwan. La sua traduzione più recente è The Heart Treasure of Taijiquan , pubblicata da Purple Cloud Press.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.