Reporters Sans frontieres: “Il primo nemico di Internet è la Cina, ma Australia e Corea del Sud paesi a rischio”

Internet rappresenta la libertà d’espressione per antonomasia, il media tramite il quale chiunque può agire e rappresentare se stesso, le proprie idee e le proprie pulsioni. Politica, economia, incontri e scambi di opinioni, giochi di fantasia, forti istanze sociali, ma anche strumenti per nuove forme di criminalità: nel bene e nel male, la rete è lo specchio delle società attuali. Ma cosa succede quando uno Stato ne limita le potenzialità per tentare di ridurla a mero strumento di consenso? Ce lo racconta un dettagliato rapporto di “Reporters sans frontières”, organizzazione internazionale di volontari che difende e monitora costantemente lo stato della libertà di stampa nel mondo, intervenendo con aiuti concreti e campagne d’opinione nei casi in cui questa venga minacciata.
Il rapporto, vera e propria guida ragionata alla censura online, individua “I Nemici di Internet”, cioè gli stati che “con il pretesto di proteggere la morale, la sicurezza nazionale, la religione e le minoranze etniche, e talvolta persino il potenziale spirituale culturale e scientifico del paese, ricorrono al filtraggio della rete”. Gli autori stilano una “Top12” dei paesi meno virtuosi. Al top della lista composta da Arabia Saudita, Birmania, Cina, Corea del Nord, Cuba, Egitto, Iran, Uzbekistan, Siria, Tunisia, Turkmenistan, Vietnam c’è la Cina, con una macchina statale che conta oltre 40,000 funzionari addetti al controllo delle comunicazioni online e 50 persone in prigione per reati legati alla cyberespressione.
Il report esamina poi la situazione di paesi ritenuti “a rischio”. E sorprendentemente si trovano anche due stati la Corea del Sud e l’Australia – ritenuti democrazie compiute.

La Repubblica, 16 marzo 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.