- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

Report shock: come la Cina compra gli accademici occidentali. L’Università un tot al kg

Un’indagine scioccante è stata appena pubblicata dal settimanale francese Le Point [1] su come Pechino stia acquistando il favore delle università occidentali.

 

Gulbahar Haitiwaji (foto sopra), sopravvissuto ai “campi di rieducazione” cinesi nello Xinjiang, ha recentemente rivelato cosa succede lì. “È vietato parlare la lingua uigura; è vietato pregare; è vietato fare lo sciopero della fame …” Dovette defecare in un secchio di plastica davanti agli altri. È stata incatenata al suo letto per 20 giorni.

Un professore associato italiano, per esempio, Fabio Massimo Parenti, dell’Istituto Internazionale Lorenzo de Medici di Firenze, è stato ospitato nello Xinjiang, dove si stima che fino a due milioni di uiguri siano rinchiusi in “campi di rieducazione”. Ma non era solo:  molte scuole britanniche sono ora strettamente sotto  l’influenza e la propaganda di Pechino. Nigel Farage, il leader del Reform UK Party britannico, ha recentemente twittato che “i miliardari cinesi con collegamenti diretti al PCC stanno comprando le scuole britanniche – e inondando il curriculum con la loro propaganda“, e ha elencato i nomi di alcuni nel Regno Unito “sotto controllo cinese” :

 

Bournemouth College

Saint Michael School

Bosworth College

Bedstone College

Ipswich High School

Kingsley School

Heathfield Knoll School

Thetford Grammar

Wisbech Grammar

Riddlesworth Hall

Myddelton College

GATTI College

A partire da settembre 2019, a Urumqi, capitale della regione uigura dello Xinjiang nella Cina occidentale, Christian Mestre, decano onorario della facoltà di giurisprudenza dell’Università di Strasburgo, ha partecipato a un “seminario internazionale sulla lotta al terrorismo, alla deradicalizzazione e la tutela dei diritti umani “. Il seminario è stato organizzato dalla Repubblica popolare cinese. Le dichiarazioni di Mestre sono state trascritte sia dai media statali, dall’agenzia di stampa Xinhua, sia dal quotidiano nazionalista Global Times. Apprare incredibile che poi un francese vada a insegnare deradicalizzazione in Cina, quando non riescono neppure a tentare questo obiettivo in Francia, maa sembra che, alla fine, i sistemi cinesi piacciano agli accademici francesi Infatti il professore ha affermato:

“Spero che la Francia e altri Paesi europei possano adottare le risposte fornite dallo Xinjiang” riferendosi ai  “centri di formazione professionale”, nome dato da Pechino ai suoi campi di rieducazione. “Queste persone non sono in carcere”, ha attestato il professore, “ma mandate alla scuola dell’obbligo”. Niente da vedere qui, come si suol dire. Però questi accademici poi devono snche spiegare la reatà dei fatti e delle situazioni, come quello che è accaduto, proprio a  Gulbahar Haitiwaji.

Lei viveva in Francia da dieci anni. Il marito e le figlie avevano lo status di rifugiato politico, ma Gulbahar ha preferito mantenere il passaporto cinese per visitare l’anziana madre. Nel novembre 2016 ha acquistato un biglietto per la Cina, dove è stata rapidamente deportata in un campo di rieducazione per il suo popolo, gli uiguri. È stata detenuta per due anni prima di poter essere rilasciata sotto pressione dalla Francia. All’inizio di quest’anno ha pubblicato un racconto agghiacciante, “Rescapée du goulag chinois”. [“Sopravvissuto a un gulag cinese”]

Gulbahar è il primo uigura ad essere stato rilasciato e rimpatriato in Francia. “Xi Jinping, riassume,” vuole lo Xinjiang senza gli uiguri “.

È stata spostata da un centro di detenzione a un altro. Prima il centro di custodia cautelare, con le regole appese al muro: “È vietato parlare uigura; è vietato pregare; è vietato fare lo sciopero della fame …” Ha dovuto defecare in una plastica secchio davanti agli altri.

È stata incatenata al suo letto per 20 giorni nel 2017. È stata portata in uno di quei nuovi “centri di formazione professionale”, il nome dato dal regime ai suoi gulag. Il Baijintan Camp – tre edifici “grandi come piccoli aeroporti” ai margini del deserto – è circondato da recinzioni sormontate da filo spinato. I prigionieri non vedono più la luce del giorno, solo i neon. Le telecamere seguono ogni movimento dei detenuti.

“Grazie al nostro grande Paese. Grazie al nostro caro presidente Xi Jinping”, devono ripetere i detenuti dall’alba al tramonto.

Dopo aver assunto nuovi nomi (Gulbahar è diventato “Numero 9”), i loro vestiti e capelli vengono rimossi. La rieducazione cinese inizia quindi a prendere piede nella loro mente. Una guardia del campo mostra al gruppo di reclusi un muro: “Di che colore è?”, Chiede. “Bianco”, rispondono. “No, è nero. Sono io che decido di che colore è”.

Poi arrivano strane “vaccinazioni”. “Le donne non hanno più le mestruazioni. Una volta tornata in Francia, ho sentito davvero l’esistenza della sterilizzazione …”

In Francia, negli ultimi 15 anni sono stati aperti 18 Istituti Confucio, apparentemente per insegnare il cinese e promuovere la cultura cinese. In Europa, nel 2019, il Belgio ha espulso il rettore dell’Istituto Confucio della Libera Università fiamminga di Bruxelles, dopo che i servizi di sicurezza lo avevano accusato di essere una spia.

Un esperto del Tibet, Françoise Robin, dell’Istituto nazionale di lingue e civiltà orientali (Inalco), chiama questi istituti “armi di propaganda”. Nel 2016, Inalco ha invitato il Dalai Lama per una conferenza. “Abbiamo ricevuto lettere ufficiali dall’ambasciata cinese che ci chiedevano di non riceverlo”, ha detto Robin.

Nel settembre 2014, la Facoltà di Giurisprudenza del professor Mestre, presso l’Università di Strasburgo, ha ospitato una serie di eventi sul Tibet, con conferenze, mostre, balli e concerti organizzati “su richiesta del Consolato Generale della Cina a Strasburgo”, secondo i termini di una mail inviata dal preside. “La conferenza inaugurale ha assicurato [a tutti] che il Tibet non è mai stato annesso, [e] che l’intervento cinese del 1950 era stato richiesto dai tibetani“, ha ricordato Nicolas Nord, professore di diritto. Un clamoroso falso storico, però divetato realtà per l’università francese

L’Economist ha recentemente suggerito cosa sta realmente facendo il regime cinese in Tibet: sradicare l’influenza del buddismo dalle menti della loro gente.

Il nuovo capo della CIA, William J. Burns, ha affermato  che, se dipendesse da lui, chiuderebbe tutti  gli Istituti Confucio nelle università occidentali.  Secondo il Daily Mail, centinaia di scuole indipendenti che sono state lasciate in gravi difficoltà finanziarie dalla pandemia del virus di  Wuhan sono state da allora prese di mira dagli investitori cinesi. La Cina sta evidentemente cercando di espandere la sua influenza nel sistema educativo britannico, come lo sono negli Stati Uniti. Diciassette scuole nel Regno Unito sono già di proprietà di aziende cinesi e quel numero è destinato ad aumentare. Inoltre, The Times ha rivelato che l’Università di Cambridge ha ricevuto un “regalo generoso” da Tencent Holdings, una delle più grandi società tecnologiche in Cina coinvolta nella censura statale.

Si torna con la mente al “Cambridge Five”, la rete di spionaggio britannica – Anthony Blunt, Donald Maclean, Kim Philby, Guy Burgess e John Cairncross – al servizio dell’Unione Sovietica e anch’essa con sede presso la famosa università britannica. Kim Philby, morto in esilio in Unione Sovietica, non si è mai pentito di aver tradito il Regno Unito: “È stato solo alla fine del mio soggiorno a Cambridge che ho preso la decisione definitiva di dedicare la mia vita al comunismo”.

A quel tempo, molti in Occidente avrebbero potuto sinceramente dire di non sapere quante persone fossero state uccise o incarcerate dal regime sovietico. Oggi sappiamo molto sulla crudeltà della Cina, compreso l’omicidio di massa del virus Wuhan che il Partito comunista cinese ha imposto al mondo, prima mentendo che il virus non era trasmissibile da persona a persona, poi fermando i voli interni da Wuhan. ma lasciando che i voli internazionali continuino. Di conseguenza, ogni paese del pianeta è stato infettato, provocando l’omicidio di oltre 2,5 milioni di persone.

Sappiamo anche del numero di persone rinchiuse nei laogai, le “prigioni amministrative” cinesi (stimato in 50 milioni). Conosciamo il numero di ragazze cinesi che il regime ha impedito di nascere quando era in vigore la “politica del figlio unico” (stimata in 30 milioni). Sappiamo del numero di persone uccise in piazza Tienanmen, l’ultima volta che il regime è stato apertamente sfidato dai suoi cittadini (stimato in 10.000).

“Luoghi abitati da minoranze etniche, come lo Xinjiang e il Tibet, si sono distinti come fulgidi esempi del progresso dei diritti umani della Cina”, ha detto il ministro degli Esteri cinese Wang Yi poche ore prima di parlare alla conferenza annuale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite. Probabilmente nemmeno l’Unione Sovietica avrebbe potuto pensarlo.

Fonte: Scenari economici, 01/03/2021 [2]