Rebiya Kadeer: Pechino non ha potere sull’amore creato da Dio fra me e i miei figli

Rebiya Kadeer, l’esule uigura divenuta avvocata dei diritti della minoranza musulmana davanti alla violenza cinese, ha denunciato come falsa una lettera pubblicata da Pechino secondo cui I figli della Kadeer la denuncerebbero come responsabile delle violenze nello Xinjiang all’inizio di luglio.

Arrivando a Sydney, dove presenzierà al Festival internazionale del cinema, ella ha detto: “La Cina ha potere. Essi sono capaci di controllare i discorsi dei miei figli e torcere la loro lingua contro di me, ma non possono controllare l’amore creato da Dio fra me e i miei figli”. “Conosco i miei figli”, ha aggiunto. “Nessuno si mette a criticare la propria madre per qualcosa, anche se ha fatto qualcosa di sbagliato”.

Secondo i media cinesi, che hanno dato ampio spazio alla fantomatica lettera, il messaggio proviene dai due figli Khahar e Memet e dalla figlia Roxingul. “A causa tua – dice la lettera – molte persone innocenti di tutti i gruppi etnici hanno perso la vita ad Urumqi il 5 luglio scorso, con enormi danni a proprietà, negozi e veicoli”.

Rebiya Kadeer ha 11 figli, tutti rimasti nello Xinjiang, dopo il suo esilio forzato negli Stati Uniti.

Due di loro sono in prigione. Nel 2007, Ablikim Abdiriyim, è stato condannato a 9 anni di carcere dal tribunale di Urumqi. Secondo l’accusa, Ablikim ha diffuso articoli secessionisti su internet, istigando contro ad agire il governo e “distorcendo” la situazione dei diritti umani e la politica etnica in Cina. E’ stato anche privato dei diritti politici per tre anni. Un altro suo figlio, Alim Abdiriyim, è stato condannato nel settembre 2006 a 7 anni di carcere per evasione fiscale. Un terzo figlio è stato arrestato per evasione fiscale ma è stato condannato solo a una multa e una figlia è da anni agli arresti domiciliari.

“Conosco le autorità cinesi e i loro metodi vecchi e nuovi per criticare i nemici” ha detto la Kadeer.

Il tentativo di discreditare la leader uiguri ricorda da vicino la campagna piena di falsità e di ingiurie contro il Dalai Lama prima delle Olimpiadi di Pechino nel 2008. Personalità del governo lo hanno accusato di essere “un diavolo travestito da angelo”; “un lupo famelico nelle vesti di agnello”.

La fantomatica lettera ricalca anche lo stile delle autorità cinesi durante la Rivoluzione culturale in cui Mao invitava i giovani a denunciare i loro genitori. Curiosamente, i brani della lettera citati nei media cinesi, ricalcano in tutto la lettura di Pechino sui fatti dello Xinjiang.

Il 5 luglio scorso una manifestazione di migliaia di uiguri a Urumqi è degenerata in uno scontro etnico con i cinesi Han. La Cina accusa la Kadeer e il World Uygur Congress di aver architettato il piano “per distruggere l’armonia e l’unità fra i gruppi etnici” e di aver portato alla morte 197 persone in maggioranza Han. Gli esuli uiguri accusano invece l’esercito cinese e la polizia di superficialità e di aver provocato lo scontro che ha portato all’arresto di oltre 1400 uiguri e alla scomparsa di “almeno 10 mila”, secondo la Kadeer.

Attenti osservatori ritengono che l’incidente serve a Pechino per stabilire un maggiore controllo sul Paese e una maggiore coesione a pochi mesi dai festeggiamenti per i 60 anni della Repubblica popolare cinese.

Fonte: AsiaNews, 4 agosto 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.