RAPPORTO UHRP – “Il governo non ci reprime assolutamente”: i video di prova della vita condotta in Cina come intimidazione e violazione dell’unità familiare uigura.

L’Uyghur Human Rights Project (UHRP) ha pubblicato un nuovo rapporto che esamina i video di prova dello stile di vita prodotti dallo stato cinese di individui e famiglie uiguri nel Turkistan orientale.

In “The Government Never Oppresses Us”: i video di prova della vita in Cina come intimidazioni e violazione dell’unità familiare uigura, UHRP identifica e analizza modelli osservabili nelle rappresentazioni prodotte dallo stato di uiguri scomparsi. Le sceneggiature negano qualsiasi problema o sofferenza, e molti continuano a criticare coloro che hanno alzato la voce chiedendo informazioni e libertà per i loro parenti uiguri.

“I video forzati di prove che siano in vita infliggono ulteriore angoscia alle famiglie uiguri all’estero. È chiaro che le persone nei video sono costrette a partecipare sotto la minaccia di ulteriori punizioni e brutalità. Innumerevoli uiguri all’estero non possono contattare i propri cari nel Turkistan orientale “, ha affermato il direttore esecutivo dell’UHRP, Omer Kanat. “Questi copioni sono assurdi.”

I video fanno parte di una contro-narrativa dei media statali cinesi, che risponde alle campagne degli uiguri all’estero che chiedono libertà per i loro parenti scomparsi. Inoltre, alcuni copioni video contengono anche negazioni specifiche di crimini documentati di atrocità contro gli uiguri, come il lavoro forzato, la separazione delle famiglie e la persecuzione religiosa.

I video messi in scena servono anche come strumento di disinformazione, intimidazione e paura diretti alla comunità uigura all’estero. Ricordano agli uiguri d’oltremare che i loro cari sono soggetti a un controllo totalizzante, spingendoli a non continuare a parlare pubblicamente.

Nel 2021, il governo cinese sembra raddoppiare la sua strategia di costringere gli uiguri a realizzare video sostenendo di non essere oppressi. I materiali condivisi dal giornalista dell’AP Dake Kang mostrano istruzioni inviate ai lavoratori del governo dello Xinjiang, dicendo loro di trovare uiguri nei loro luoghi di lavoro e registrare brevi video clip che denunciano la determinazione del genocidio negli Stati Uniti del 19 gennaio.

I video orchestrati non sono una prova valida della libertà uigura, ma piuttosto un’ulteriore prova della colpevolezza dello stato cinese per crimini atroci. I parenti delle vittime presenti nelle clip con script non sono ancora in grado di contattare liberamente nessuno dei loro familiari, vicini e compagni di classe.

“Lo stato cinese sta facendo a pezzi le famiglie uiguri”, ha continuato Kanat in una dichiarazione. “I nostri parenti sono scomparsi o sono stati portati in campi di concentramento e lunghe pene detentive. I nostri nipoti e nipoti vengono portati in orfanotrofi statali e collegi. I funzionari puniscono le persone che esprimono la loro identità uigura attraverso la nostra lingua, cultura e religione “.

“Questa ricerca espone le risposte messe in scena dal governo cinese agli uiguri schietti sui loro familiari scomparsi. In quale mondo è accettabile che la comunicazione tra un genitore e un figlio sia mediata da un video di prova della vita prodotto dallo stato? ” ha aggiunto Kanat.

Il titolo attinge da interviste e rapporti di media, accademici e ONG per analizzare i temi, gli impatti e le implicazioni dei video di prova della vita dello stato cinese.

L’UHRP chiede al PCC di liberare tutte le vittime della detenzione di massa e di rendere pubblici e trasparenti i propri registri sul trattamento e il luogo in cui si trovano tutte le vittime delle sue politiche genocide, inclusi uiguri, kazaki e altri popoli che sono detenuti nei centri di detenzione, internamento campi, prigioni, ambienti di lavoro forzato o arresti domiciliari.

“La negazione del contatto privato e illimitato tra i membri della famiglia è una negazione dell’umanità di base e parte integrante delle sue politiche genocide. Esortiamo i governi e gli organismi globali per i diritti umani a chiedere la fine del genocidio, la responsabilità e la restituzione di questi crimini “. ha detto Omer Kanat di UHRP.

Leggi tutto il rapporto:

“The Government Never Oppresses Us”: China’s proof-of-life videos as intimidation and a violation of Uyghur family unity.” 

Traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: UHRP, 02/01/2021

Versione inglese:

UHRP REPORT—“The Government Never Oppresses Us”: China’s proof-of-life videos as intimidation and a violation of Uyghur family unity.”

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.