Rallenta l’export e l’import cinese

Le esportazioni e importazioni della Cina sono scese nel mese di luglio, mostrando un ulteriore raffreddamento dell’economia del gigante asiatico, legata alla crisi dell’economia mondiale. L’export cinese è cresciuto solo dell’1% rispetto allo scorso anno, ma si è inabissato rispetto alla crescita di giugno, che era dell’11,3%. Le importazioni sono cresciute del 4,7% in un anno; in giugno erano cresciute del 6,3%. Entrambi i dati mostrano che la domanda estera di prodotti cinesi è diminuita in modo drammatico – le cifre peggiori dal 2009 – e che la domanda interna non è forte in modo adeguato. In luglio le vendite cinesi all’Unione europea sono diminuite del 16,2%; la crescita dell’export verso gli Usa è scesa allo 0,6% (in giugno era del 10,6). Ieri sono stati anche pubblicati i dati della produzione industriale, che vede una crescita del 9,2% rispetto a un anno fa, ma una diminuzione rispetto a giugno, con una crescita del 9,3. Un aspetto positivo emerge dall’inflazione, cresciuta solo dell’1,8%,  rispetto al 2,2 in giugno e al 3% a maggio. Le cifre ufficiali mostrano che l’abbassamento dell’inflazione è dovuto soprattutto alla caduta dei prezzi della carne di maiale ( meno 18,7%) e del pollame (meno 6,1%). Per stimolare l’economia cinese, la banca centrale ha ridotto due volte i tassi di interesse e ridotto pure le riserve che le banche devono conservare, per spingere al prestito. Molti imprenditori sperano che il governo lanci un nuovo pacchetto di aiuti come quello all’inizio della crisi nel 2008.

Fonte: Asia News, 10 agosto 2012

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.