“Quattro uomini hanno cominciato a picchiarmi”

Una donna incinta che era andata a Pechino per lamentarsi di un torto subito nella sua città natale nella provincia cinese di Heilongjiang, ha dichiarato che ora è in pericolo di perdere il suo bambino dopo essere stata ferita dai funzionari inviati per riportarla a casa.

Li Naiqiu, che era incinta di quattro mesi al momento della sua detenzione, ha detto che è stata ripresa e scortata nella sua città natale dal centro di detenzione non ufficiale di Majialou il 22 gennaio.

Sul viaggio di ritorno, è stata ammanettata e picchiata dai funzionari, che hanno inoltre presa a calci sull’addome.

“Mentre ero sull’autobus quattro uomini hanno cominciato a picchiarmi”, ha dichiarato Li a Radio Free Asia.

“Ora devo stare in totale riposo a letto, altrimenti perderò il bambino”, ha aggiunto.

Le foto mostrano Li legata e imbavagliata con del nastro adesivo sul viaggio di ritorno.

L’attivista per i diritti umani con sede a Pechino, Zhou Li, ha dichiarato che viene utilizzata spesso la violenza contro i firmatari sul viaggio di ritorno, e che c’è poco interesse pubblico sulla questione. “Questa foto mostra la forza del tutto inappropriata, è scioccante, sono inorridito. Questi uomini, con il pretesto di lavorare per il governo privano le persone della loro libertà. E ‘un problema enorme e la Cina non ha ancora fatto niente”.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation


Fonte: Radio Free Asia, 28 gen17

English article: ‘Four Men Started Beating Me Up’: Pregnant Heilongjiang Petitioner

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.