Quarta proiezione privata di ‘Free China’ a Capitol Hill

Il primo agosto circa un centinaio di persone hanno partecipato a una proiezione privata di Free China: il coraggio di credere al Rayburn House Congressional Building a Washington. Molti ospiti sono membri dello staff del Senato e della Camera e alcuni provengono da altre agenzie governative.

Kean Wong, produttore del film-documentario, ha iniziato la proiezione privata presentando la nuova canzone tematica incorporata nella versione cinematografica del film. The Courage to Believe è cantata da Q’orianka Kilcher, una giovane attrice conosciuta per la sua interpretazione di Pocahontas con Colin Farrell e Christian Bale in The New World [Il Nuovo Mondo, ndt]. Il brano è disponibile sufreechinasong.com.

«Totale verità»

Commentando la questione dell’espianto forzato di organi, un membro del personale del Congresso ha detto: «È veramente tragico. Il mondo è troppo silente su questo tema… Dovremmo parlare di più, forzare la Cina a onorare i suoi accordi internazionali e consentire ispezioni complete e una totale verità, non solo [emettere, ndt] una carta che vieti l’espianto forzato di organi».

Un altro personale del Congresso racconta: «È spaventoso vedere gli abusi dei diritti umani che si verificano in Cina. Molti non sono noti. È certamente qualcosa di cui preoccuparsi e che necessita di essere guardato molto più da vicino, in modo che i diritti umani possano essere ripristinati. Per fare ciò dobbiamo portare alla luce la reale situazione».
Un membro della Commissione del Congresso ha appreso dal film che prima del 1999, anno di inizio della persecuzione, il Governo cinese incoraggiava la pratica del Falun Gong considerandola un bene per la salute e per la società.
Ha commentato: «Tutto questo è illuminante per le persone. Perché il Governo cinese non rispetta la libertà di credo?… [Il Partito comunista cinese, ndr] è una religione del Governo. È molto chiusa. “Devi fare solamente ciò che ti diciamo. Non c’è pensiero individuale”… Non riesco proprio a trovare un senso a questo. Negli Stati Uniti non sarà mai, mai consentito!»

Un maggiore apprezzamento per la pratica

Il personale della Commissione del Congresso ha inoltre appreso ulteriori informazioni sulla pratica: «Il Falun Gong è pacifico, spirituale, è controllo di sé stessi… Come potrebbero le società civilizzate non beneficiare di persone che cercano di migliorare sé stesse…?»

Alla domanda: «cosa del film l’ha più colpita», un membro del Congresso si è espresso così: «La forza e il coraggio delle persone disposte a sfidare il sistema».

Un altro membro del congresso ha condiviso con The Epoch Times: «È una storia incredibile di resistenza in condizioni terribili. Il potere della fede, il potere della famiglia e la potenza della ricerca della libertà… Sono molto impressionato dalla forza di entrambi i protagonisti messi in luce nel film. Sono persone fantastiche, degli eroi, molto forti!»

«Penso che Jennifer e Charles siano dei magnifici portavoce, sono lieto di aver imparato da loro. Sono rimasto inorridito dalle loro esperienze personali. Charles era un cittadino americano ed è stato trattato in modo pessimo!» ha detto un membro dello staff della Commissione del Congresso.

Il signor Chatodd Floyd proviene dall’Amministrazione delle Piccole Imprese situata in un edificio vicino. È venuto appositamente per la proiezione. Prima dell’evento, non aveva mai sentito parlare del Falun Gong.
Ha detto: «Il film mi è veramente piaciuto. È stato decisamente illuminante. Avevo sentito parlare del controllo di Internet ma non avevo compreso davvero cosa stesse succedendo nei campi di lavoro forzato…»

Le altre proiezioni al Campidoglio

Questa è la quarta proiezione privata di Free China al Campidoglio. La prima proiezione della versione preliminare del film è stata effettuata intorno al 20 luglio 2011 presso il Rayburn House Congressional Building, ospitata dal congressista Chris Smith del New Jersey e dalla Commissione Affari Esteri.

La seconda e terza proiezione di settembre 2012 e aprile 2013 si sono entrambe svolte presso il Capitol Visitor Center. Il 18 settembre 2012, come parte del lancio internazionale delle proiezioni private di Free Cina, una giuria di illustri relatori, tra cui il deputato Chris Smith, la dottoressa Katrina Lantos Swett, presidentessa delle Commissioni Usa sulla Libertà Religiosa Internazionale (Uscirf), Michael Horowitz dell’Hudson Institute e Michael Perlman, il regista del film, hanno tenuto delle discussioni approfondite sui diritti umani in Cina.

Diretto dallo stesso Michael Perlman di Tibet: Beyond Fear [Tibet: Oltre la paura, ndt], e co-prodotto da New Tang Dynasty Television (Ntd), il pluripremiato documentario della durata di 53 minuti racconta la straordinaria storia di sopravvivenza di due persone che sono state torturati e sottoposte a lavori forzati per il loro credo spirituale. Sono solo due tra i milioni di pacifici praticanti del Falun Gong in Cina. Attraverso le loro storie il film dà un volto umano alle violazioni dei diritti umani dello Stato cinese, tra cui la detenzione arbitraria di dissidenti, l’esportazione di prodotti per l’Occidente realizzati nelle prigioni di lavoro forzato e l’espianto forzato di organi da prigionieri di coscienza vivi.

Epoch Times Staff, 03.08.2013

English Version:
http://www.theepochtimes.com/n3/225219-free-china-holds-private-screening-on-capitol-hill/

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.