Pyongyang affitta a Pechino un porto sul Mar del Giappone

La Corea del Nord concederà in affitto per 10 anni alla provincia cinese di Jilin il proprio porto a Rajin sulla costa nordorientale, dando alla Cina  un accesso diretto al Mar del Giappone, per la prima volta dopo oltre un secolo. Li Longxi, parlamentare dell’Assemblea nazionale del popolo e capo della Prefettura autonoma Yanban Korean Minority, spiega che questo farà crescere l’economia della zona. Esperti commentano che questo dimostra anche la volontà di Pyongyang di aprirsi a una maggiore collaborazione internazionale.

Pyongyang da anni ha dichiarato Rason, dove sorge Rajin, una zona di libero commercio e da allora Pechino ha cercato di ottenere il controllo del porto. A Rajin ci sono 5 porti, finora le società russe ne hanno controllato uno e un altro quelle cinesi.

Liu Ming, direttore degli studi per la Penisola di Corea presso l’Accademia delle Scienze sociali a Shanghai, spiega al South China Morning Post che “con questo accordo, la Cina può sviluppare il porto e costruirne le infrastrutture come preferisce” e prevede che possa essere utilizzato anche per turismo, perché da lì è facile il viaggio verso Russia, Giappone, Corea del Sud e altri Paesi. Inoltre il porto potrebbe diventare un importante nodo di commercio verso l’Asia del Nord. Finora le merci dirette a Giappone e Corea del Sud partono dal porto di Dalian (Liaoning), ma farle partire da Rajin significa una grande economia di tempo e di costi.

Tra l’altro il Consiglio cinese di Stato prevede di impegnare importanti risorse per lo sviluppo della zona del Fiume Tumen nel Jilin, che comprende la capitale Changchun e le città Jilin e Yanbian.

La Cina perse l’accesso portuale al Mar del Giappone nel 19° secolo. Da allora regioni ricche di risorse, come il Jilin e l’Heilongjiang, sono rimaste prive di accesso al mare.

Liu Jiangyong, professore di Relazioni internazionali all’Università Tsinghua, commenta che l’accordo è anche “segno che la Corea del Nord vuole aprirsi di più, almeno per una collaborazione economica”.

Fonte: AsiaNews, 9 marzo 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.