Proibita bibbia in una cittadina della Cina

Un altro episodio di persecuzione religiosa in Cina

Una bibbia scolastica curata dal vice-presidente dell’Alleanza cinese delle Chiese Domestiche (CHCA), il pastore Shi Enhao, è stata proibita. Il fatto è accaduto il 16 luglio nella città di Suqian, nella provincia di Jingsu, Cina. Lo stesso pastore e 11 studenti sono stati portati in un ufficio di pubblica sicurezza e interrogati.

Seguono maggiori dettagli in inglese

A Bible school run by Vice-President of the Chinese House Church Alliance (CHCA) Pastor Shi Enhao was raided on July 16 at 11:30 a.m. (Beijing time) in Suqian city, Jiangsu province.
Pastor Shi and 11 students were taken to the Public Security Bureau (PSB) office and questioned.
They were all released around 5 p.m. the same day. The students were sent back to their hometowns and warned not to come back for Bible study. The school is part of a Bible education school run by CHCA.

Posted on DossierTibet, July 21, 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.