Prodotti cinesi pericolosi Maxisequestro a Macerata

La Guardia di finanza di Macerata ha sequestrato in un negozio oltre 250.000 prodotti di fabbricazione cinese, potenzialmente pericolosi, tra luminarie natalizie, palloni gonfiabili, carte da gioco, pupazzi di plastica, modellini di automobile, articoli per ufficio, cancelleria, pile, calcolatrici, materiale elettrico ed elettromagnetico e casalinghi. La maggior parte dei prodotti, sprovvisti del marchio CE, era costituita da catene luminose, usate per addobbare gli alberi di Natale. I finanzieri hanno riscontrato una serie di carenze soprattutto per quel che riguarda le indicazioni che, per legge, devono accompagnare i prodotti: la marcatura CE, appunto, l’indicazione del nome del produttore e dell’importatore stabilito nell’Ue, l’attestato di conformità CE e l’indicazione in italiano delle istruzioni e della composizione. L’intervento rientra in un più ampio dispositivo di prevenzione e repressione nel settore della tutela del mercato dei beni e servizi e del made in Italy, oltre che a tutela dei consumatori, intensificato ulteriormente in vista delle prossime festività. Il titolare dell’esercizio commerciale, un cinese, è stato segnalato alla Camera di Commercio di Macerata.

Fonte: Corriere Adriatico.it, 15 dicembre 2011

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.