Allarme in Asia: scoperto caso di influenza suina

È “emergenza pandemia” ad Hong Kong, dopo che un messicano arrivato in città via Shanghai, è stato diagnosticato avente l’influenza suina, il primo caso accertato in Asia.

Con grande disagio dei 200 ospiti e 100 impiegati, l’hotel in cui l’uomo era ospite, il Metropark hotel di Wan Chai, è stato messo in quarantena per 7 giorni e isolato. Intanto si cerca di rintracciare tutti coloro che avevano volato con lui e i tassisti che lo hanno trasportato durante la sua permanenza ad Hong Kong.

influenza suina in asia malato

Intanto in Messico il ministero della Sanità afferma che la forza del virus è minore del previsto, anche se è iniziata un isolamento volontario per 5 giorni. Su 176 morti, solo 12 sono confermate come causate dal virus, e ora le autorità dicono che solo 101 morti possono essere attribuite all’H1N1, con un tasso di mortalità molto simile a quello delle tradizionali influenze.

La Cina ha decretato che metterà in quarantena tutte le persone che hanno viaggiato fino a Shanghai con l’uomo ricoverato ad Hong Kong. Fra gli altri Paesi asiatici colpiti dal virus vi sono la Corea del sud, con un caso confermato e due casi in Israele.

Intanto in Egitto si è dato il via all’uccisione di circa 300 mila maiali per precauzione. Ma gli esperti affermano che l’influenza non si prende mangiando la carne di porco e l’eliminazione degli allevamenti – in maggioranza tenuti da cristiani – non ha senso.

fonte: AsiaNews, 2 maggio 2009

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.