Prigioniero tibetano in salute precaria

Washul Dortruk, in carcere da tre anni per aver impedito alla polizia cinese il sequestro del corpo di un manifestante che si era autoimmolato, è in precario stato di salute e gli sono state rifiutate le visite dei suoi anziani genitori.

Dortruk, condannato a dieci anni di prigione nel dicembre del 2012 dopo il ritorno del corpo di Lobsang Gendun, che si è dato alle fiamme il 3 dicembre per protestare contro il governo di cinese nelle zone tibetane, al suo monastero nella provincia di Qinghai Pema (in cinese, Banma).

Anche se la polizia cinese è arrivata ​​rapidamente sul posto per rimuovere i suoi resti, Dotruk e altri tibetani locali hanno lottato per il possesso del corpo per portarlo al monastero Penak, dove Gendun aveva vissuto.

Fonte: Radio Free Asia, 28/8/15

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.