Il premio Nobel cinese ‘malato terminale’ entra in ospedale. Torture in prigione

Le autorità della provincia cinese nordorientale di Liaoning hanno rilasciato Liu Xiaobo, dissidente e Nobel per la pace, e lo hanno trasferito all’ospedale poichè malato terminale di cancro del fegato. Liu, 61 anni, è attualmente in cura presso un ospedale della capitale provinciale di Liaoning, Shenyang, ha comunicato a RFA il suo avvocato, dopo una diagnosi di cancro al fegato in stadio terminale, poco più di un mese fa.
“Liu Xiaobo s’è ammalato il 23 maggio e il suo cancro al fegato è in fase avanzata”, ha detto l’avvocato Mo Shaoping lunedì.

“Ora abbiamo completato il processo di rilascio per ragioni mediche ed è in cura presso l’Ospedale Medico Universitario di Shenyang a Liaoning”, ha proseguito Mo. “Altrimenti non avrebbe potuto ricevere alcun trattamento fuori dal carcere”.
Tuttavia, ha accennato che la polizia sta ancora sorvegliando la stanza di Liu e registra tutti i visitatori.

“Alcuni dei suoi parenti sono già andati a trovarlo, ma non posso dire che non ci sia alcuna sorveglianza [all’ospedale]”.

Alla domanda se la famiglia di Liu sta prendendo in considerazione la possibilità di trattamenti medici all’estero, Mo ha detto che nessuno l’ha suggerito.

Questa azione avviene dopo svariati rifiuti alle richieste di Mo da parte delle autorità .

Le notizie hanno scatenato una frenesia di commenti su Twitter, non direttamente accessibile in Cina, e spesso vengono utilizzati dagli attivisti dei diritti per fare dichiarazioni aggirando il grande firewall dei blocchi governativi, dei filtri e dei censori umani.

“Il governo cinese avrebbe dovuto rilasciare Liu Xiaobo senza alcuna condizione”, ha denunciato il giornalista politico e veterano Gao Yu lunedì. “Molte persone in Cina chiedono a Sua Santità il Dalai Lama di pregare per Liu Xiabo, per aiutarlo a combattere lo spirito maligno del cancro”.

L’ex prigioniero politico e vincitore del premio Sakharov, Hu Jia, che lo scorso maggio è stato anche lui in ospedale in condizioni critiche, ha aggiunto:

“La morte dei prigionieri di coscienza per malattie terminali sviluppatesi durante la prigionia per mano del Partito Comunista Cinese non è nient’altro che assassino politico”.

In un’intervista successiva, Hu ha dichiarato che le autorità dovrebbero essere considerate pienamente responsabili per aver sfinito mentalmente Liu, la cui moglie Liu Xia è ancora sotto arresti domiciliari nella casa della coppia a Pechino, da quando è stato annunciato il conferimento del premio Nobel.

“Devono anche sospendere i domiciliari di Liu Xia”, ha detto Hu. “Che cosa ha fatto il governo a questa coppia? Anche Liu Xia è malata, mentalmente e non solo”.

“Suo padre è morto, e suo fratello è in ostaggio, pendono sulla sua testa gravi minacce”, ha proseguito. “Questa famiglia viene perseguitata fino alla morte”.

Richard Choi, vicepresidente dell’Alleanza di Hong Kong a sostegno del Movimento Democratico Patriottico in Cina, che per molto tempo ha condotto campagne a sostegno di Liu, concorda.

“Pensiamo che il Partito comunista cinese, incarcerando Liu Xiabo, avesse già violato i diritti umani”, ha proseguito Choi. “Ma adesso, stiamo assistendo a una seconda ondata di violazioni, che si ripercuotono sulla sua salute”.

“Siamo molto arrabbiati”.

Poche opzioni

A differenza di molti dissidenti di alto profilo prima di lui, Liu non si è qualificato per un rilascio incondizionato per ragioni mediche, perché non ha mai confessato di aver commesso alcun crimine; gli amici sostengono che sia estremamente improbabile che il governo gli offra un qualsiasi compromesso di esilio.

Ma il presidente dell’associazione medica di Hong Kong, Choi Kin, ha dichiarato che c’è un breve trattamento che può essere offerto a pazienti come Liu, che hanno solo pochi mesi di vita.

“C’è la chemio, ma i risultati su un cancro al fegato in stadio terminale non sono buoni”, ha detto Choi. “Ci sono farmaci che possono essere prescritti per scopi palliativi, e alcune persone fanno iniezioni per ridurre il tumore, ma nessuno di questi trattamenti può curare la malattia sottostante”.

“Se la metastasi non si sono ancora diffuse, si può eseguire un trapianto di fegato, ma risulta impossibile se il cancro si è già diffuso”.

Ha proseguito dicendo che la maggior parte dei casi di cancro al fegato in Cina continentale sono legati a infezioni del virus dell’epatite B, durante la giovinezza del paziente, che non sono state trattate.

“Naturalmente, nel caso in cui [Liu] non avesse ricevuto un adeguato trattamento per l’epatite B mentre era in prigione, o se avesse avuto una dieta povera e o dovuto sostenere troppo lavoro fisico, ciò avrebbe potuto determinare la cirrosi del fegato, che si è poi sviluppata in cancro”, ha detto Choi.

L’autore Ye Du, che vive in Guangdong, ha espresso il suo sostegno a Liu Xia: “Liu Xia ha dovuto pagare un prezzo molto elevato, tra soli tre anni infatti Liu Xiaobo sarebbe stato rilasciato comunque. È inaccettabile per la famiglia”.

L’ex leader studentesco dei movimenti del 1989, Wang Dan, ha invitato il governo cinese a permettere a Liu Xiaobo di cercare assistenza medica all’estero.

“L’unica speranza sarebbe che il governo cinese gli consentisse di chiedere aiuto medico all’estero”, ha dichiarato, facendo dei paralleli con il recente rilascio dello studente statunitense Otto Warmbier, morto poi la scorsa settimana, giorni dopo che era stato mandato a casa, in coma, da una prigione della Corea del Nord.

“Non posso fare a meno di vedere un parallelo tra i due incidenti”, ha proseguito Wang. “Perché Liu Xiaobo è stato rilasciato solo quando il suo cancro era in stadio terminale? È terribilmente, terribilmente inumano”.

Ma un portavoce del Ministero degli esteri di Pechino ha dichiarato di non essere a conoscenza dei dettagli del caso di Liu, alle domande poste durante il solito briefing sulle notizie che avviene il lunedì.

Attivista per i diritti umani

Critico letterario ed ex professore, Liu ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 2010 “per la sua lunga lotta non violenta per i diritti umani fondamentali in Cina”, una decisione che ha fatto infuriare Pechino, secondo cui egli viola le leggi cinesi. Durante la cerimonia di premiazione a Oslo, Liu era rappresentato da una sedia vuota.

Pechino ha tagliato i legami commerciali con la Norvegia a seguito del premio,sebbene il governo norvegese ha dichiarato che non ha nulla a che fare con la decisione. I legami sono stati ripresi solo nel dicembre scorso.
Liu è detenuto dal 2008, dopo aver aiutato a preparare la Carta 08, un manifesto che richiede cambiamenti radicali nel governo cinese firmato da migliaia di sostenitori.

In una dichiarazione del 26 giugno, le presidenze della Commissione del Congresso-Esecutivo degli Stati Uniti in Cina hanno chiesto l’immediato trasferimento di Liu, insieme a sua moglie, negli Stati Uniti per il trattamento medico.

“Invito il Presidente Trump a richiedere un trasferimento immediato del Nobel Liu Xiaobo negli Stati Uniti”, ha detto il presidente della commissione, il senatore Marco Rubio.

“Sebbene siamo contenti che il dottor Liu non sia più dietro le sbarre, questo non è un atto di misericordia da parte del governo cinese”.

La prigionia e il trattamento di Liu, un avvocato per i diritti umani e una riforma politica non violenta in Cina, “rimangono una farsa della giustizia e una macchia nella storia della Cina moderna”, ha proseguito Rubio.

“Liu Xiaobo, e innumerevoli altri come lui che cercano coraggiosamente il cambiamento pacifico in Cina, sono eroi degni di onore, non criminali meritevoli di essere torturati o puniti ingiustamente”.

“il rilascio di Liu Xiaobo non è né giustizia né compassione”, ha aggiunto il co-presidente Chris Smith.

“Il governo cinese si sta solo assicurando che questo campione della democrazia non muoia in prigione”, ha concluso Smith.

Traduzione Andrea Sinnove, LRF Italia Onlus


Radio Free Asia, 26 giugno 2017

English article, Radio Free Asia:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.