Prato, controllate 500 aziende cinesi in 2 mesi

FIRENZE,21/11/2014-Cinquecento aziende cinesi circa controllate in due mesi. Ieri i settantaquattro tecnici e ispettori per la sicurezza sui luoghi di lavoro assunti nei mesi scorsi dalla Regione per passare al setaccio 7.700 aziende a rischio dell’area vasta di Firenze, Prato e Pistoia hanno incontrato il presidente della Toscana Enrico Rossi.

Una riunione di lavoro e un modo per sentirsi parte di un unico grande progetto, dove entusiasmo, spirito di squadra e orgoglio erano ben evidenti. Quindici regioni e storie diverse racchiuse in una stanza: i siciliani secondi solo ai toscani, trentuno anni l’età media.

Una riunione per stilare un primo bilancio e raccogliere qualche suggerimento, ma anche l’occasione per sottolineare (da parte della Regione) quanto si creda al ruolo assegnato a questi tecnici assunti per tre anni ma un orizzonte più ampio: il ruolo di ispettori dalla parte dei lavoratori, rappresentanti di uno Stato che sì sanziona ma sopratutto cerca di prevenire drammi come il rogo che i 1 dicembre di un anno fa divorò a Prato sette operai cinesi dentro la fabbrica dove lavoravano e vivevano.

“In un modo globalizzato non si può imporre alle persone di non muoversi e non emigrare. L’immigrazione anzi può essere una grande risorsa, anche economica – sottolinea Rossi –. Sogno una Toscana con un distretto delle confezioni come quello pratese forte e competitivo, ma dove ci sia rispetto per i lavoratori e la sicurezza nelle aziende e dove naturalmente si paghino le tasse.

Che vale per le ditte cinesi ma anche per gli italiani”. Una sfida, ammette il presidente. “Ma una sfida – dice – che possiamo vincere”.

Su quasi cinquecento visite ad altrettante aziende effettuate tra settembre ed ottobre dai settantaquattro neo ispettori, con un ritmo di uscite raddoppiato dall’inizio di novembre, le irregolarità non sono infatti mancate. Sono state scoperte altre fabbriche dormitorio e sono scattati sequestri, ma ci sono state anche aziende in regola o che hanno deciso di adeguarsi.

A Prato in particolare, su centocinquantaquattro ditte controllate – con 32 imprese chiuse e 120 dove qualcosa non andava (irregolarità a volte solo lievi) – ventisei erano a posto.

E soprattutto tra le aziende che ancora non hanno ricevuto visite in 147 hanno avviato l’iter per aderire al patto per il lavoro sicuro, con cinquanta che lo hanno già firmato.

Redattore Sociale 21 novembre 2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.