PRATO- Chinatown: sequestrato un intero condominio abusivo nella fabbrica.

La squadra interforze ha scoperto quattro aziende, 86 macchinari sequestrati, 32 persone identificate. Nei soppalchi di circa 383 metri quadrati c’erano 4 cucine e 49 posti letto.

Quattro aziende e 86 macchinari sequestrati, 32 persone identificate e datori di lavoro denunciati per sfruttamento di manodopera clandestina: è questo il risultato di un’ operazione della Polizia municipale condotta nei giorni scorsi nell’ambito dei controlli alle attività produttive. Gli agenti hanno ispezionato un fabbricato al Macrolotto 0, a due passi da via Pistoiese, insieme al Nucleo Carabinieri dell’ Ispettorato del Lavoro e ai Tecnici della Prevenzione della ASL 4 di Prato Unità Funzionale Prevenzione Igiene e Sicurezza dei Luoghi di Lavoro.

All’interno del fabbricato sono state rinvenute quattro ditte diverse, due al piano terra e due al primo piano, che si occupano di confezionamento di abbigliamento pronto moda, gestite da imprenditori di nazionalità cinese. Dentro ogni porzione condotta in locazione da ciascuna ditta, sono state rinvenute strutture soppalcate abusive destinate impropriamente ad uso abitativo: in sostanza su una superficie totale di 560 metri quadri circa sono risultati adibiti ad uso residenziale circa metri quadrati 383 mediante soppalchi. A loro volta i soppalchi erano stati suddivisi in 33 vani dormitorio, per un totale di 49 posti letto, con quattro cucine/refettori con fornelli alimentati da bombole di GPL. Il tutto era in pessime condizioni igienico sanitarie e privo dei requisiti minimi di sicurezza antincendio per la salvaguardia dei lavoratori e degli edifici confinanti.

In totale sono state identificate 32 persone, tra le quali anche sei operai in stato di clandestinità, impegnati al lavoro come cucitori in due delle ditte oggetto di accertamento; per i datori di lavoro sono scattate le denunce per sfruttamento della manodopera clandestina. Sono stati sequestrati tutti i macchinari, 86 in totale, molti dei quali privi di elementi di sicurezza. L’immobile è stato interamente sequestrato.

“Ogni giorno la Polizia municipale, in collaborazione con gli altri organi preposti, porta a termine operazioni importanti – sottolinea il sindaco Matteo Biffoni -. Colgo l’occasione per ringraziare ancora una volta gli agenti quotidianamente impegnati su diversi fronti sempre a tutela della legalità”.

Il Tirreno ediz. di Ptato,25/10/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.