“Pomodoro italiano”. Ma è made in China: sequestrato un milione di barattoli

Maxisequestro di falso pomodoro “made in Italy” ad Angri, in provincia di Salerno. Il locale Nucleo antifrodi del Comando carabinieri politiche agricole e alimentari ha sequestrato 4.607 quintali di doppio concentrato di pomodoro, pari a 931.978 barattoli da 150 grammi ciascuno, per un valore complessivo di circa 400mila euro. Erano “confezionati con etichette attestanti l’origine italiana del prodotto, in realtà ottenuto dalla lavorazione di triplo concentrato di pomodoro proveniente dalla Repubblica popolare cinese e destinato al mercato estero”. Le indagini, coordinate dal dottor Lenza, sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Nocera Inferiore, hanno portato anche alla denuncia del titolare dell’azienda interessata, accusato di violazione dell’articolo 517 del codice penale (“vendita di prodotti industriali con segni mendaci”). L’ipotesi di reato riguarda l’etichettatura del prodotto finito, che recava, in varie lingue, la scritta “prodotto in Italia”. Ma in questo caso, il prodotto sequestrato – spiegano gli investigatori – era stato ottenuto “dalla sola aggiunta di acqua e sale al concentrato cinese e dalla relativa pastorizzazione. Configurando, pertanto, una lavorazione parziale e non significativamente idonea a conferire l’origine italiana al prodotto”. L’operazione si inserisce nel quadro delle ispezioni contro le contraffazioni e a tutela del “made in Italy” all’intera filiera nel settore conserviero, scattate alla fine dell’estate scorsa dopo il sequestro di quantitativi di doppio concentrato di pomodoro con presenza di muffe e apporto di zuccheri non conformi alle normative vigenti. Nell’ambito del Ministero delle Politiche agricole, una “task force” è stata istituita proprio per verificare il fenomeno della crescita delle importazioni di concentrato di pomodoro cinese, stimata nel solo primo trimestre del 2010 pari a + 174%.  Galan: “Una sfida da non perdere”. Esprimendo le sue congratulazioni ai carabinieri del Nucleo Antifrodi di Salerno, il ministro delle Politiche Agricole, Giancarlo Galan, considera quella dei controlli “una sfida che non intendiamo perdere, anzi. Continueremo a tenere alta l’attenzione, senza nessuno sconto per coloro che attentano alla trasparenza e alla legalità, uniche garanzie necessarie per la valorizzazione e la tutela della qualità dei prodotti Made in Italy”.

Fonte: La Repubblica, 19 ottobre 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.