Pomodoro cinese nei kit per la Germania, la Montali accusata di frode

Il legale rappresentante accusato di frode in commercio per il doppio concentrato con scritto “Prodotto in Italia”: le buste erano destinate al mercato tedesco e vendute assieme alla pasta

MONTECCHIO. Il doppio concentrato di pomodoro con su scritto in etichetta “Prodotto in Italia”, in realtà conteneva un componente di pomodoro cinese superiore rispetto al 50% consentito dalla legge.

E’ per questo che il legale rappresentante della Industrie Montali Srl di Montecchio, Giuliano Montali, classe 1938, è accusato di frode in commercio.

L’inchiesta del Nac di Parma risale al 2009, quando – in un periodo in cui a finire sotto accusa era proprio il pomodoro cinese spacciato come italiano – i controlli scattano in diverse aziende di lavorazione. Da Montali, ad attirare l’attenzione degli investigatori sono le bustine di doppio concentrato: servono per i kit di pasta che molte aziende italiane producono appositamente per il mercato tedesco. Dentro ci sono una porzione di spaghetti per due, Parmigiano Reggiano e una busta da 114 grammi di pomodoro. Un piatto italiano pronto da cucinare. Peccato, però, che quello che il Nac accerta tramite una verifica documentale è che il pomodoro contenuto nelle buste è per il 60% di provenienza cinese.

L’autorità doganale sul punto, invece, è precisa: per dire che si tratta di prodotto italiano deve contenere più del 50% di pomodoro italiano.

Il sequestro scatta per una piccola parte della produzione rintracciata nelle ditte che realizzano i kit. L’altra – circa 350mila chili prodotti tra settembre e novembre del 2009 – è già stata venduta, è finita sulle tavole dei consumatori tedeschi. Come fosse un prodotto italiano.

A difendere Montali è l’avvocato Roberto Giovannelli, che è proprio sull’etichetta che sta puntando la sua difesa nel processo davanti al giudice Silvia Semprini.

Ieri sono stati sentiti gli investigatori del Nac, nelle prossime udienza saranno ascoltati gli altri testi.

Gazzetta di Reggio,01/07/2015

Articoli correlati:

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.