Pomodori cinesi in Italia: non comprate più questo prodotto estero

I coltivatori: “Etichette troppo poco chiare”

Coldiretti lancia l’allarme: invasione di pomodori cinesi in Italia – È un +43% la percentuale che fa paura alla Coldiretti, che denuncia come nello scorso anno si siano raggiunti i 100 milioni di chili di concentrato di pomodoro importati dalla Cina, una quantità che equivale al 20 per cento della produzione nazionale.

Un allarme che arriva insieme alla divulgazione dei dati Istat relativi al commercio estero da Paesi extracomunitari a gennaio 2017 che fa registrare un balzo record del 22,3% delle importazioni, superiore a quello delle esportazioni (+19,7%). Il rischio, secondo i coltivatori, è che continui ad aumentare il traffico di fusti da 200 chili di concentrato dalla Cina, che viene poi rivenduto come italiano, grazie al fatto che il luogo di coltivazione del pomodoro non è un’indicazione obbligatoria per la vendita al dettaglio di questo prodotto, ma solo per la passata.

Oltre alla conquista del mercato italiano, spiega la Coldiretti, il problema si pone ancora maggiormente quando si considera che il Paese è primo per numero di notifiche per prodotti alimentari irregolari perchè contaminati dalla presenza di microtossine, additivi e coloranti al di fuori dalle norme di legge, da parte dell’Unione Europea. Oltre al danno la beffa: l’Italia sta per diminuire la produzione nazionale, ritenuta eccessiva dalle industrie di trasformazione, ma dall’estero le importazioni aumentano. Il consiglio di Coldiretti? Preferire i prodotti, concentrato o sughi pronti, che volontariamente indicano sulla confezione l’origine nazionale 100% del pomodoro utilizzato.

Centro Meteo Italiano,29 luglio 2017

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.