Politica del Figlio Unico in Cina: uscito il libro “Il calvario di una madre” di Steven Mosher.

Il Calvario di una madre

Il Population Research Institute ha pubblicato la seconda edizione del best seller di Steven Mosher: ” A Mother’s Ordeal, One Woman’s Fight against China One Child Policy” (Il Calvario di una madre: la lotta di una donna contro la politica del figlio unico in Cina).

Chi An è una dei funzionari cinesi per la pianificazione familiare. Racconta degli arresti e delle violenze che subiscono le giovani donne, gli aborti forzati, le sterilizzazioni forzate. E poi lei stessa resta incinta di un secondo figlio senza permesso: ora tocca a lei fuggire e lasciare il paese per evitare di diventare vittima della politica che lei stessa aveva contribuito a mettere in pratica.

Il libro è uscito esclusivamente in lingua Inglese, ma chi la conosce è un libro che vale la pena di leggere. I cambiamenti recenti alla Politica del Figlio Unico in Cina non hanno portato nessun cambiamento sostanziale, che permettono a un numero maggiore di coppie di richiedere il permesso di avere un secondo figlio (il che non vuol dire ottenerlo), e che alcuni dei media hanno indicato falsamente come la fine della politica del figlio unico.

Un quinto della popolazione mondiale vive sotto un regime che ha ucciso milioni di persone e ferito altrettante madri. L’autore, Steve Mosher , testimone oculare sul campo, ha scritto:”I funzionari cinesi continuano a non far nasere 13 milioni di bambini ogni anno. Ma i numeri da soli non possono raccontare tutta la storia .

L’autore afferma: “Ho lasciato la Cina con le grida delle madri inermi che mi risuonavano in testa. Coloro i quali avranno la possibilità di leggere A Mother’s Ordeal, sentirà questi pianti con le proprie orecchie”.

Francesca Romana Poleggi, Laogai Research Foundation,05/03/2014

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.