Poeta cinese colpito da un attacco di cuore per le torture durante la prigionia

Wang Zang, poeta e attivista politico di Pechino, che si era mosso a sostegno del movimento democratico di Hong Kong, secondo il suo avvocato è stato sottoposto a torture e maltrattamenti durante la detenzione.

La sua detenzione è avvenuta dopo delle foto a sostegno di Occupy Central, movimento di disobbedienza civile di Hong Kong che chiede il suffragio universale nella ex colonia britannica.

Secondo il suo avvocato Sui Muqing, Wang è stato tenuto in una cella imbottita per i primi cinque giorni della sua detenzione e sottoposto a stress intenso, fino al sopraggiungere di un attacco di cuore.

“E’ stata la privazione del sonno e la costrizione a rimanere in piedi per quattro notti di fila, che ha portato al suo attacco di cuore”, ha detto a Radio Free Asia, aggiungendo: “Non era mai stata diagnosticata una malattia al cuore fino a quel momento.”

“E’ stato anche picchiato un po’ … anche se non particolarmente gravemente. Purtroppo, a causa di motivi tecnici, non sono riuscito a scattare una foto”, ha scritto.


Fonte: Radio Free Asia, 28/12/14

English article: Chinese poet ‘tortured,’ suffers heart attack in police custody: lawyer

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.