Più di 300 gruppi sollecitano le Nazioni Unite a indagare sulle violazioni dei diritti umani in Cina

La chiamata arriva mentre il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite si riunirà la prossima settimana.

Una coalizione globale di oltre 300 organizzazioni, tra cui Amnesty International e Human Rights Watch, ha chiesto mercoledì alle Nazioni Unite di creare un “cane da guardia” per indagare sulle violazioni dei diritti umani compiute dal governo cinese.

La richiesta in una lettera aperta di un “meccanismo delle Nazioni Unite imparziale e indipendente” per sondare la Cina aumenta ulteriormente la pressione su Pechino per la sua gestione di questioni come le proteste a Hong Kong e i centri di detenzione per i musulmani uiguri e altri nella regione dello Xinjiang occidentale, che il governo ha descritto come centri professionali o di formazione.

“La comunità internazionale non può più sedersi e consentire alle autorità cinesi di calpestare i diritti umani in patria e all’estero”, ha detto in una nota Joshua Rosenzweig, capo della squadra cinese di Amnesty International.

CINA E INDIA ACCUSATE DI SPARARE “COLPI”LUNGO IL LORO CONFINE

“Senza un’azione decisiva ora, le cose andranno solo peggio”, ha aggiunto. “È urgente che gli Stati membri delle Nazioni Unite collaborino e assicurino che le violazioni commesse da Pechino siano ufficialmente monitorate e contestate in modo significativo. Nessuno stato dovrebbe essere al di sopra della legge “.

L’appello arriva prima dell’inizio della sessione autunnale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, composta da 47 stati membri, lunedì.

I gruppi vogliono anche che il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, “si assumano la responsabilità di affrontare pubblicamente le violazioni dei diritti della Cina”, ha detto in una dichiarazione Human Rights Watch.

Esperti indipendenti che lavorano con le Nazioni Unite hanno già chiesto una sessione speciale del Consiglio per i diritti umani incentrata sulla serie di questioni relative ai diritti della Cina, riferisce l’Associated Press.

“Hanno evidenziato le violazioni di massa dei diritti umani della Cina a Hong Kong, Tibet e Xinjiang, la soppressione delle informazioni nel contesto della pandemia Covid-19 e gli attacchi a difensori dei diritti, giornalisti, avvocati e critici del governo in tutto il paese”, dice la lettera.

I sostenitori insistono sul fatto che nessun paese, non importa quanto grande o potente, debba sfuggire a un esame approfondito dei propri dati sui diritti quando giustificato.

“La Cina ha sistematicamente perseguitato i difensori dei diritti per rappresaglia per la loro cooperazione con le operazioni per i diritti umani delle Nazioni Unite – tortura, sparizione forzata, incarcerazione e revoca delle licenze agli avvocati”, ha detto Renee Xia, direttrice dei difensori dei diritti umani cinesi, in una dichiarazione. “Il sistema delle Nazioni Unite non dovrebbe più tollerare tale trattamento.”

Traduzione di Roy Merlo per Arcipelago laogai:  in memoria di Harry Wu

Fonte : Fox News,09/09/2020

Articolo in inglese:

More than 300 groups urge UN to probe China human rights violations 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.