Pesce insieme ai secchi di vernice: furgone sequestrato

La Polizia stradale ha fermato un cittadino cinese che portava il pesce al suo ristorante di Prato: supermulta  e sequestro del mezzo.

PRATO. Era in A/11 all’area di servizio di Migliarino), quando è stato fermato dalla pattuglia di Montecatini, impegnata nel consueto dispositivo a reticolo, per intercettare sia gli automobilisti indisciplinati che i delinquenti.

Gli agenti avevano scoperto dalla targa che viaggiava senza assicurazione e così gli hanno intimato l’alt.

Alla guida del furgone c’era un cinese di 37 anni. Come ha aperto il finestrino i poliziotti hanno sentito un forte odore di pesce e così gli hanno fatto aprire le porte posteriori, per controllare.

C’erano delle cassette di polistirolo, non sigillate, con gamberi, molluschi e svariato pesce, insieme a dei secchi di vernice, tutti aperti.

Agli agenti ha detto che era andato a Viareggio per comprare il pesce per il suo ristorante cinese di Prato: peccato che il furgone che stava usando per trasportarlo non avesse neppure la cella frigo.

E così si è trovato in un mare guai. I poliziotti, infatti, non solo gli hanno sequestrato il mezzo, che non aveva l’assicurazione ma anche il pesce; anzi hanno chiamato l’Asl per farlo distruggere visto che a contatto con la vernice ed al caldo si era certamente contaminato.

Per di più dovrà pagare una multa salatissima di 5.700 euro, per aver viaggiato senza assicurazione e aver trasportato prodotti alimentari, senza rispettare le norme a tutela dei consumatori.

Il Tirreno, ediz. Prato, 1 settembre 2017

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.