Categoria: Cristiani

Una visione tibetana dell’accordo del Vaticano con la Cina

Alla fine di settembre la Cina e il Vaticano hanno raggiunto un accordo sulla nomina dei vescovi cattolici alla Cina continentale. L’accordo cerca di colmare la divisione tra le due frazioni cattoliche cinesi, di cui una è fedele a Pechino e l’altra al Vaticano.

Ex vescovo sotterraneo diventa presidente dell’Associazione patriottica per una Chiesa ‘indipendente’

Mons. Giuseppe Han Zhihai è stato riconosciuto dal governo solo lo scorso anno. Al raduno per la sua elezione, esaltati i “principi di indipendenza e autonomia” della Chiesa, considerati “incompatibili” per la dottrina cattolica. Il Fronte unito e l’Associazione patriottica in una campagna per far fallire l’accordo Cina-Vaticano.

Rimossa una croce alla chiesa di Luoyang (Video)

La notte scorsa alle 2.00, usando delle gru, le autorità di Luoyang (Henan) hanno strappato la croce dalla sommità della chiesa di via Zili al n. 68. Nel video si sentono le voci addolorate di alcuni fedeli presenti allo scempio. Ieri abbiamo dato notizia di altre croci divelte a Zhumadian (Henan) e a Wenzhou (Zhejiang).

Come prima più di prima: Wenzhou, Henan, Hubei, continua la persecuzione dopo l’accordo Cina-Santa Sede

Distrutta croce e muro di cinta della chiesa di Lingkun. Nell’Henan divelta una croce a Zhumadian. Per le autorità essa era “troppo visibile”. Rieducazione dei sacerdoti nell’Hubei per riaffermare “indipendenza” della Chiesa dal Vaticano e sottomissione al Partito.

Pastore cinese torturato in prigione. Dopo il suo rilascio continua ad essere perseguitato

Nonostante sia stato rilasciato dalla prigione mesi fa, un pastore ecclesiastico in Cina è ancora sotto la sorveglianza governativa mentre la persecuzione in tutto il paese aumenta.

Vaticano, bufera sui vescovi cinesi: Card. Zen “due emissari del PCC, tornino a casa, un persecutore ed un ateo.

In Vaticano si sta svolgendo il Sinodo sui giovani. Presenti anche due vescovi cinesi. Ma il cardinale Zen li ha invitati a tornare in Cina. Sarebbero due “emissari del governo”. Un persecutore e un ateo.

Con i vescovi cinesi il Papa ha sbagliato

E addentando un tramezzino, il monsignore sbottò. Di chi è la colpa? “Li cerchi in segreteria di stato”.