Categoria: Cristiani

Sacerdoti cinesi abbandonano il ministero perché contrari all’Associazione patriottica

Secondo p. Peter, l’autore di questo messaggio appartenente alla comunità ufficiale, essi si sentono “traditi” dal Vaticano, specie dopo l’accordo provvisorio fra Pechino e la Santa Sede sulle nomine dei vescovi. L’Ap opera ancora per una Chiesa “indipendente” (dalla Santa Sede). La funzione dell’Ap dovrebbe essere affrontata in futuro nei dialoghi fra le delegazioni vaticana e cinese.

Cina. Studenti cristiani fermati e interrogati

Le autorità cinesi hanno ancora una volta preso di mira la Early Rain Covenant Church. Per monitorare le chiese il Governo ha messo in atto il programma «Sharp Eyes».

Il Cristo clown di McDonald e la diocesi di Lanzhou

Nella diocesi di Lanzhou (Gansu), un sacerdote è stato trasferito con un ordine non del vescovo, ma del Ministero locale degli affari religiosi. Eppure si continua a difendere il concetto che la Chiesa in Cina “è indipendente”. I rischi per la Chiesa e per l’accordo sino-vaticano.

La Cina impone una scelta ai cristiani: benefici per il benessere o il credo religioso

“Se credi in Dio, non è possibile ricevere un assegno di sussistenza; se si riceve un assegno di sussistenza, non si può credere in Dio”. Questa è la propaganda del PCC. In Cina, se credi in Dio, ha un costo.

Cina-Vaticano: La guerra di Pechino contro il Natale dei bambini

Obbligo di andare a scuola il giorno di Natale; divieto di entrare in chiesa per i minori di 18 anni. Ora sono proibiti anche i distici augurali per il Nuovo anno cinese, se hanno sfondo religioso.

La Cina vuole riscrivere la Bibbia: “è offensiva”

I funzionari governativi hanno imposto ad una chiesa di rimuovere i Dieci Comandamenti.

Nazionalismo cinese in crescita: celebrare Natale è ‘una vergogna bruciante’ (VIDEO)

Il direttore di una scuola elementare a Sixian lega il Natale di Cristo all’invasione delle potenze occidentali durante le guerre dell’oppio e dopo la Rivoluzione dei Boxer. Scolari della scuola media giurano di combattere “l’invasione delle feste occidentali” che è una “aggressione contro la cultura cinese”. Manifestazioni di piazza per “rifiutare il Natale” e ricordare Mao Zedong.