Categoria: Cristiani

Cina : ‘Il governo cinese vuole il controllo assoluto sulla Chiesa’

Mentre si rincorrono le voci su un imminente accordo fra Pechino e Santa Sede, rimangono fortissimi i dubbi sulla effettiva libertà che il Partito potrebbe garantire ai cattolici cinesi. Bisogna pregare per loro, per l’unità della Chiesa e per il discernimento dei pastori locali. La Cina “continua a considerarsi il centro assoluto del mondo”. L’opinione di un missionario, grande esperto dell’Impero di Mezzo.

‘Silenzio impotente’, un sacerdote cinese e la censura dei siti cattolici

Confermata l’oscuramento dei siti di Vatican News, Ucan, AsiaNews.it. Eppure in Cina la costituzione difende la libertà religiosa. Le considerazioni di un sacerdote, a cui è stato oscurato il suo blog personale.

Pechino proibisce l’evangelizzazione on-line

Da ieri sono pubbliche le “Nuove misure” per il controllo dei siti sulle attività religiose via internet. È proibito diffondere cerimonie religiose in streaming (in diretta su internet), preghiere, predicare e bruciare incenso. Chi voglia aprire un sito religioso, deve chiedere il permesso all’autorità ed essere giudicato moralmente sano e politicamente affidabile. Non si può convertire, né diffondere materiale religioso. Ma il risveglio religioso in Cina è ormai incontrollabile.

Pechino, la Chiesa di Sion è ‘legalmente bandita’

Da mesi, la grande comunità protestante era nel mirino del governo cinese. Pastore Jin Mingri. “In questa terra, l’unico di cui ci possiamo fidare è Dio”. Pechino teme la crescita delle Chiese protestanti che si rifiutano di entrare nel Movimento delle tre autonomie.

Sacerdote cinese: Non è ancora arrivato il momento della persecuzione e del tradimento

Non è ancora arrivato il momento della persecuzione… Se arrivasse una persecuzione più severa, si potrebbe comprendere la tua paura e tradire Gesù Cristo, ma adesso, non è ancora il momento!”: sono le parole che p. Stanislao, attempato sacerdote di una parrocchia dell’Henan, rivolge a un suo fedele che per ubbidire alle indicazioni delle autorità locali, cerca di nascondere le immagini sacre. Per il sacerdote, nascondere le immagini è un po’ come “tradire Gesù Cristo”, tanto più che la costituzione cinese garantisce la libertà religiosa.

Henan, Jiangxi, Zhejiang, avanza la sinicizzazione: croci bruciate, bandiere e slogan del Partito sulle chiese.[video]

A Shanghai sul frontone della chiesa si esaltano i “valori base del socialismo”. Eliminato un dipinto dell’Ultima Cena nell’Henan. Le comunità obbligate a cantare inni patriottici. Anche il monastero di Shaolin a Shaoshan farà ogni mattino l’alzabandiera. “Le chiese sembrano sempre più degli uffici governativi”.

Una nuova prigione per la Chiesa in Cina: la sinicizzazione

Entro la fine di agosto tutte le diocesi della Cina devono presentare all’Associazione patriottica nazionale (Ap) e al Consiglio dei vescovi (Cdv) un piano quinquennale (2018-2022) su come possono attuare la sinicizzazione, voluta da Xi Jinping.