Categoria: Uighuri

La Cina taglia i vestiti lunghi alle donne uigure [video]

Funzionari della regione del Xinjiang, nella Cina nord-occidentale, tagliano le gonne lunghe alle donne uigure per le strade. Questi indumenti femminili vengono considerati sovversivi e questa è l’ennesima provocazione sta scatenando una protesta tra gli uiguri in tutto il mondo che viene considerata un esempio di come il governo cinese entra arbitrariamente con metodi deleteri nella loro nelle loro vite.

I figli dei deportati uiguri rinchiusi in orfanotrofio

I bambini che hanno i genitori rinchiusi nei campi di rieducazione vengono staccati dalle famiglie e messi in orfanotrofio. Talvolta anche in altre regioni della Cina, lontani dai parenti. Le condizioni delle strutture “sono terribili”. Continua il giro di vite e la deportazione forzata del popolo uiguro.

Madre del leader del gruppo di esuli uiguri, Dolkun Isa, morta in un centro di rieducazione

La madre di Dolkun Isa, presidente del gruppo di esiliati del World Uyghur Congress (WUC) con sede a Monaco, è morta mentre era detenuta in un “campo di rieducazione politica” nella regione autonoma dello Xinjiang (XUAR).

Nella giornata internazionale a sostegno delle vittime della tortura 2018 l’UHRP denuncia la Cina

In occasione della Giornata internazionale a sostegno delle vittime di tortura (26 giugno), l’UHRP chiede alle Nazioni Unite (ONU) e agli Stati membri di mettere in discussione la Cina accusata di omicidi e torture nei campi di rieducazione nel Turkestan orientale. La Revisione Periodica Universale (UPR) prevede la possibilità per i governi di fare pressione su Pechino chiedendo chiarezza sulle accuse credibili di decessi durante la detenzione e la tortura di massa degli uiguri.

La Cina rifiuta di dare “accesso senza restrizioni” al Tibet

DHARAMSHALA, 19 giugno: l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Il principe Zeid Ra’ad al-Hussein di Giordania nel suo ultimo discorso fatto alla 38a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che nonostante i numerosi sforzi del suo ufficio, la Cina non ha ha concesso “l’accesso senza restrizioni” al suo personale nelle cosiddette regioni cinesi, nella regione autonoma tibetana e nella regione autonoma uigura dello Xinjiang.

CINA-Xinjiang, arresti di massa contro gli uomini di etnia uigura

Il 40% della popolazione di un villaggio è stata deportata in un campo di rieducazione. Continua la persecuzione del governo cinese nei confronti del popolo uiguro: sarebbero centinaia di migliaia le persone arrestate senza un motivo. Tutti i maschi nati negli anni ’80 e ’90 sono considerati un pericolo e internati.

La Cina sta imprigionando quasi 1 milione di persone, per ‘rieducarle’. Perché hanno la barba o parlano coi parenti all’estero

Potenzialmente più di un milione sono state rinchiuse nei “campi di rieducazione” della Cina nell’ultimo anno.
I campi, che operano al di fuori della giurisdizione dei tribunali, sono progettati per indottrinare gli Uiguri, una minoranza etnica, e costringerli a rinnegare le loro credenze religiose.