Categoria: Persecuzioni

I diritti umani in Cina nell’agenda ASEM!

In occasione del 12° summit ASEM (Asia-Europa) del 18 e 19 ottobre, le comunità uiguri, tibetane e mongole meridionali hanno tenuto una manifestazione a Bruxelles, invitando i leader dell’UE a utilizzare questo incontro per esprimere le preoccupazioni sulla situazione di deterioramento dei diritti umani in Cina, in particolare per i gruppi etnici e religiosi​. Una delegazione cinese guidata dal primo ministro Li Keqiang ha incontrato una delegazione dell’UE per una tavola rotonda sulle problematiche commerciali e diplomatiche.

Intervista ad un ex ufficiale cinese che prestava servizio in un campo di rieducazione

Un ufficiale presso una stazione di polizia a Kashgar ha recentemente rilasciato a RFA un’intervista in merito alle condizioni in un campo di rieducazione dove sono detenuti molti uiguri. Nella prima parte dell”intervista, l’ufficiale, che ha voluto mantenere l’anonimato per paura di persecuzioni, ha dettagliatamente descritto la struttura del campo, la routine quotidiana dei detenuti e le punizioni a cui sono sottoposti i carcerati se non obbediscono alle regole.

Le autorità dello Xinjiang trasferiscono segretamente i detenuti uiguri alle prigioni di tutta la Cina

Le autorità nella regione autonoma dello Xinjiang, nel nord-occidentale della Cina (XUAR), trasferiscono segretamente i detenuti uiguri nelle prigioni della provincia di Heilongjiang e in altre aree del paese per affrontare il sovraffollamento nei campi politici di rieducazione della regione.

7 ottobre del 1950 invasione del Tibet da parte della Cina comunista.[Video]

Ricordate il film “Sette anni in Tibet”? Raccontava l’inizio dell’invasione della repubblica buddista da parte della Cina comunista di Mao Tze Dong. Ebbene era tutto vero: il 7 ottobre del 1950 la Cina comunista dava il via all’invasione del Tibet, uno stato dentro uno stato, perché era una repubblica basata sul regno dei monaci buddisti con a capo il Dalai Lama, la figura spirituale ed anche politica dei monaci buddisti tibetani.

Cina : un editore uiguro della rivista gestita dallo stato si toglie la vita perché minacciato di essere incarcerato in un campo di rieducazione

Il caporedattore uiguro di una rivista di letteratura statale nella regione autonoma dello Xinjiang (XUAR), nella Cina nordoccidentale, si è suicidato “per timore” di essere incarcerato in un “campo di rieducazione”.

Tibetani spiati in Svizzera.[video]

Si moltiplicano i casi di presunte spie cinesi e con essi i timori della comunità in esilio a esprimere le proprie opinioni.

Il PCC rinchiude in orfanotrofi i figli degli uiguri anche se i loro genitori sono vivi

Il governo cinese ha trasformato quattro bambini in orfani, anche se i loro genitori sono vivi. I bambini sono stati lasciati con la nonna quando la coppia ha visitato il padre malato in Turchia. Quando le autorità cinesi hanno iniziato a rinchiudere migliaia di loro connazionali uiguri per presunti reati sovversivi, come per esempio i viaggi all’estero, una visita si è trasformata in deportazione.