Perché la Cina ora punta su Intesa, Unicredit e Mps. Parla Forchielli

La Banca centrale della Repubblica Popolare Cinese, People’s bank of China, ha aumentato la propria presenza in Italia entrando nel capitale di due delle principali banche del Paese: Unicredit e Monte dei Paschi di Siena; e negli scorsi si era affacciata in Intesa Sanpaolo. Una circostanza che segue gli investimenti fatti in altre realtà strategiche della Penisola e che avviene in momento delicato per Pechino, alle prese con una bolla finanziaria.

Quali sono le mire di Pechino? E quanto è alta la possibilità che i problemi sulle borse cinesi contagino i mercati occidentali?

Sono alcuni degli aspetti analizzati in una conversazione di Formiche.net con Alberto Forchielli, socio fondatore di Mandarin Capital Partners, il più grande fondo di private equity sino-europeo, e Osservatorio Asia, centro di ricerche non-profit.

Forchielli, perché la Cina ora investe anche nelle banche italiane?

Non è un investimento mirato alle banche. La banca centrale cinese, People’s Bank of China, ha in portafoglio partecipazioni di tutte le principali aziende del mondo. Tuttavia di solito, come avevamo già raccontato su Formiche.net, adotta un basso profilo, tenendosi sempre al di sotto della soglia da dichiarare pubblicamente. In Italia invece, dove la soglia è il 2 percento, Pechino continua a fare investimenti che la superano di pochissimo: Fca (Fiat), Prysmian, Eni, Enel e Telecom in passato, Mps e Unicredit oggi. Ciò vuol dire che vuole farsi notare.

Quali sono i veri obiettivi, economici, finanziari e geopolitici, di queste operazioni non solo in Italia ma in Europa su reti e banche?

C’è una valenza di posizionamento geostrategico e di espansione dell’influenza nazionale, non v’è dubbio. Si parla spesso di Via della Seta, ad esempio. La Cina ha poi un grande problema di liquidità: i consumi sono bassi, ha bisogno di reinvestire una grande massa di denaro e lo fa anche così. Ma il loro è innanzitutto un messaggio sia di amicizia, sia di potere. Nella loro testa gesti come questi, che comportano un investimento minimo, dovrebbero rendere la Cina più amata nel nostro Paese. Le ultime ricerche di società autorevoli come Pew sostengono che il 70% degli italiani vede di cattivo occhio Pechino. Una percentuale altissima, superiore a quella di tutti i Paesi occidentali.

Questa strategia funziona?

Con l’opinione pubblica non saprei, sicuramente funziona con i media italiani, sempre meno disponibili a raccontare criticamente le vicende che riguardano la Repubblica Popolare Cinese, come nel caso del mega riciclaggio “di Stato” sollevato da me già un anno fa.

Vede segni di bolla finanziaria in Cina?

Bisognerebbe essere ciechi per non accorgersene. I più accorti hanno lasciato quei mercati da tempo, in attesa di tempi migliori. Nei giorni scorsi, il governo cinese ha fatto di tutto per ricondurre la situazione alla normalità, senza però riuscirci. E la cosa inedita è proprio questa: per la prima volta i vertici della politica di Pechino sono stati sconfitti dalla finanza.

Questo che segnale è?

È innanzitutto il segnale di un Paese che cambia e che diventa intrinsecamente capitalista e mette il denaro in cima alle proprie priorità.

Secondo alcuni analisti, una delle cause di questa bolla finanziaria è che Pechino investe troppo poco in economia reale e più nel mercato azionario.

Non condivido questa lettura. Investono anche troppo in economia reale. Il problema è che consumano pochissimo e soffrono di un eccesso di investimenti anche nel mercato azionario, dove si è spostata l’attenzione dopo il crollo del mercato immobiliare. Nei prossimi anni assisteremo a un esodo epocale di soldi cinesi, che non trovano sfogo interno.

Che effetti avrà questa bolla in Cina e in Occidente?

La vera conseguenza è politica: questa situazione ha spiazzato il governo, che la vive come uno smacco e, data la chiusura del mercato cinese, non può nemmeno essere addossata ad altri. Ma non credo che ci sarà qualche effetto reale sull’economia cinese. Non è come in America, dove l’andamento delle borsa sposta i consumi. Per la stessa ragione si può star tranquilli: nemmeno da noi ci saranno riverberi.

Formiche.net,08/07/2015

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.