Per un breve periodo, c’è stata una piattaforma per un dibattito politico delicato in Cina. Poi i censori lo chiudono

E’ stato dato un breve e allettante sguardo su come sarebbe potuto essere un Internet cinese gratuito. Ma lunedì sera, l’app di social media Clubhouse sembrava essere stata bloccata in Cina pochi giorni dopo essere diventata l’app di riferimento per conversazioni non censurate su una serie di questioni sensibili vietate su altre piattaforme.

Durante il fine settimana, diverse grandi chat room in lingua cinese sono state installate sull’app audio solo su invito, dove gli ospiti hanno parlato di argomenti politicamente delicati caricati come la repressione in corso contro gli uiguri nello Xinjiang , la democrazia a Hong Kong e la sovranità di Taiwan .

Lunedì sera, molti utenti di Clubhouse nella Cina continentale hanno riferito che quando hanno tentato di accedere all’app, hanno ricevuto un messaggio di errore rosso che indicava che “non è possibile stabilire una connessione sicura al server”.

Martedì, l’hashtag “Clubhouse” è stato censurato anche sulla piattaforma di social media cinese Weibo, dove era di tendenza. Le persone con numeri di telefono continentali hanno riferito di non essere più in grado di ricevere messaggi di testo da Clubhouse, impedendo loro di partecipare poiché i codici di invito e di verifica vengono inviati a un telefono cellulare per registrare un nuovo account.
.
Tuttavia, come Twitter ( TWTR ) e molte altre piattaforme bloccate dal Great Firewall cinese, un vasto apparato di censura e sorveglianza, è ancora possibile accedere all’app utilizzando una rete privata virtuale. Le VPN utilizzano la crittografia per mascherare il traffico Internet, aiutando le persone in Cina a aggirare il firewall. Clubhouse non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.
.
Su Clubhouse, sono sorte presto diverse chat room per discutere del blocco dell’app. Sono stati raggiunti da centinaia di utenti, inclusi alcuni che hanno affermato di avere sede nella Cina continentale. Anche Greatfire.org, un gruppo che monitora la censura di Internet in Cina, ha confermato che l’app era stata bloccata.
.
Il divieto, tuttavia, non è stato una sorpresa. Con le sue discussioni politiche che attiravano così tanto interesse dalla Cina continentale, molti utenti e osservatori si aspettavano che fosse solo una questione di tempo prima che l’app venisse bloccata. Sebbene la censura possa scoraggiare i nuovi utenti, non è chiaro quanti utenti esistenti saranno tenuti fuori dalla piattaforma.

Susan Liang, una 31enne di Shenzhen, ha detto che avrebbe continuato a partecipare alle chat del Clubhouse su argomenti sensibili tramite una VPN perché non voleva rinunciare alle discussioni franche e aperte.

“È un’opportunità troppo rara. Tutti hanno vissuto sotto il Great Firewall per così tanto tempo, ma su questa piattaforma possiamo parlare di qualsiasi cosa”, ha detto. “È come se qualcuno stesse annegando, e possa finalmente respirare una grande boccata d’aria”.

Ma Liang si aspetta che alcuni altri utenti potrebbero essere scoraggiati dal dover utilizzare una VPN, poiché tale tecnologia è stata sempre più presa di mira dalle repressioni del governo cinese. Qualsiasi VPN non approvata dal governo è illegale.

Benjamin Ismail, un esperto di Apple Censorship – un progetto gestito da GreatFire.org – ha detto che alcuni utenti sarebbero scoraggiati dal blocco ma “potrebbe non uccidere immediatamente l’app” in Cina.

C’erano altri ostacoli alla navigazione per gli utenti cinesi, anche prima del blocco segnalato. L’app è disponibile solo su iPhone e solo per quelli con un account.

Una volta scaricato, i potenziali utenti richiedono anche un codice di invito, che può essere difficile da trovare. Lunedì, alcuni sono stati venduti sulla piattaforma di e-commerce cinese Taobao per tra $ 13 e $ 30 ciascuno.

Popolari chat room politiche

Mentre l’app divenne popolare per la prima volta in Cina tra i circoli dell’industria tecnologica, le sue chat room politiche attirarono rapidamente i nuovi arrivati ​​desiderosi di liberarsi dalla stretta censura a casa. Man mano che cresceva in popolarità, molti cinesi si unirono anche per discutere argomenti come cultura, stile di vita e pettegolezzi sulle celebrità. Ma lo spazio per discussioni politiche gratuite e inclusive era una delle qualità più rare dell’app per le comunità di lingua cinese.

Una chat room ospitata dal blogger taiwanese Zola ha funzionato ininterrottamente per quasi 120 ore, a cui hanno partecipato persone di lingua cinese in diversi fusi orari.

Un’altra popolare chat room ha invitato i giovani di entrambe le sponde dello Stretto di Taiwan a condividere le loro opinioni e storie personali. Le discussioni sono iniziate con argomenti spensierati ma presto si sono rivolte alla politica, con utenti che confrontano i sistemi politici di Cina e Taiwan e discutono sulle prospettive di unificazione.

“Non credo che questi argomenti dovrebbero essere off limits”, ha affermato sabato sui social media Jimmy Tan, un utente di Guangzhou che ha aperto la chat room con il suo amico designer a Taiwan . “Il fatto che le nostre chat possano passare così rapidamente a questi argomenti significa esattamente che dovremmo parlarne – sono rilevanti per ognuno di noi – e significa anche che abbiamo tenuto a freno le nostre lingue per troppo tempo”.

Venerdì sera, la sala ha presto attirato centinaia di persone e ha raggiunto il limite massimo di 5.000 ascoltatori intorno a mezzanotte, secondo Tan. C’erano anche chat room dedicate alla repressione della Cina contro gli uiguri nella regione dell’estremo ovest dello Xinjiang.

In una stanza popolare intitolata “Lo Xinjiang ha un campo di concentramento?” domenica, attivisti uiguri all’estero hanno raccontato storie di persone care scomparse nei campi, ” si stima che dal 2017 sarebbero potute passare fino a 2 milioni di persone. Il governo cinese ha negato con veemenza queste affermazioni.

Anche diversi cinesi Han dello Xinjiang hanno condiviso la loro esperienza della repressione della sicurezza. Alcuni cinesi d’oltremare sono scoppiati in lacrime descrivendo il senso di colpa che provano per le presunte violazioni dei diritti umani nello Xinjiang, mentre altri hanno difeso le politiche di Pechino e hanno messo in dubbio i resoconti di abusi nella regione.

Altri utenti e osservatori esterni hanno espresso scetticismo su quanto rappresentativi i gruppi impegnati in queste discussioni politiche siano dell’ampia opinione pubblica cinese, indicando la natura di autoselezione dei partecipanti, nonché le barriere all’uso della stessa Clubhouse che impediscono che sia un app completamente pubblica.

E i segnali di pericolo si profilavano già prima che la censura colpisse. Lunedì, Global Times, un tabloid nazionalista gestito dallo stato, ha accusato le discussioni politiche sull’app di essere “unilaterali”.
“Gli argomenti politici sulla piattaforma non vengono discussi in modo razionale come altri argomenti come la tecnologia o la cultura”, afferma il giornale.

Ma anche prima che l’app venisse bloccata, c’erano potenziali problemi di sicurezza per gli utenti nella Cina continentale. Gli account sono anche legati ai numeri di cellulare degli utenti, che in Cina sono registrati con i nomi reali dei proprietari. Inoltre, sarebbe un compito relativamente semplice per le autorità cinesi infiltrarsi in gruppi di chat aperti su questioni come lo Xinjiang e registrare ciò che viene detto per un uso futuro.

Badiucao, un artista dissidente cinese con sede in Australia, ha detto che alcuni utenti cinesi, in particolare quelli all’interno della Cina, potrebbero non essersi resi conto del potenziale rischio prima di esprimersi criticamente contro le politiche del governo, anche in modo semi-anonimo. Non hanno valutato attentamente quel che dicevano con le dovute cautele.

Fonte:CNN,08/02/2021

Traduzione di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Articolo in inglese:

For a brief period, there was a platform for sensitive political debate in China. Then censors shut it down 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.