Pechino obbliga una scelta ai buddisti come ha fatto per i cristiani: sussidi o fede.

Il governo cinese in Tibet ha imposto una scelta ai tibetani buddisti: rinnegare la fede in Buddha  o avvalersi  degli aiuti governativi per la sopravvivenza.


Secondo Bitter Winter, una rivista online che si occupa di libertà religiosa e diritti umani in Cina, nel maggio del 2018, le autorità cinesi hanno obbligato i  tibetani disagiati,  che vivono sugli assegni minimi di sussistenza da parte dello Stato, di non adorare il Buddha se desiderano mantenere questi aiuti.

La politica punitiva colpisce i poveri tibetani le cui terre erano state confiscate dal governo e si sono dovuti  basare unicamente sugli aiuti stanziati da Pechino per il loro sostentamento.

L’utilizzo da parte del governo cinese delle sovvenzioni statali e l’indennità come arma per eliminare la libertà religiosa in Tibet, per la maggior parte buddisti, non è nuova. Nel corso del gennaio 2017, a Bodhgaya, in India, il governo cinese ha annunciato che i pellegrini tibetani provenienti dal Tibet devono rinunciare a queste indennità in maniera definitiva prima dell’inizio degli insegnamenti, in caso contrario sarebbero stati sottoposti a severe punizioni.

Il mese scorso sempre a Bodhgaya minacce simili hanno causato una netta diminuzione della affluenza di pellegrini tibetani all’insegnamento dato dal leader buddista tibetano, Sua Santità il Dalai Lama.

L’anno scorso, sempre a causa della politica di repressione del governo cinese, il numero dei credenti in visita al Tempio di Mahabodhi dove Siddhartha Gautama, il Buddha, ottenne l’illuminazione e considerato il luogo più sacro per i buddisti, si è drasticamente abbassato.

Una risoluzione del Senato degli degli Stati Uniti nel 2018 a Washington, ha tenuto conto del diritto inalienabile alla libertà religiosa in Tibet. Da molti analisti questo è stato visto come una chiave politica per instaurare un tavolo di confronto con la Cina, che perseguita i religiosi tibetani e gli uiguri.

Traduzione a cura della Laogai Research Foundation


Fonte: Phayul, 21/01/2019

English article, PhayulStop worshipping Buddha or lose government subsidy: Chinese govt. to Tibetan Buddhists

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.