Pechino, la Corte Suprema chiede di limitare la pena di morte

Il massimo grado di giudizio cinese è dal 2007 l’unico organismo a poter condannare a morte i criminali, su proposta dei tribunali minori. Oggi chiede “giustizia temperata dalla compassione” e invita e pronunciare meno sentenze capitali. In Cina, ogni anno, avviene il 90 % delle esecuzioni mondiali.

La Corte Suprema cinese torna sulla questione della pena di morte e chiede ai tribunali locali di “limitarla”. Lo riporta l’agenzia di stampa governativa Xinhua, secondo cui i giudici della massima istanza giudiziaria cinese hanno chiesto ai colleghi di “trattare i casi che prevedono la massima pena con giustizia, temperata dalla compassione”.

La Corte ha poi sottolineato che “la pena di morte dovrebbe essere riservata a una stretta minoranza di criminali”. La Cina da sola esegue il 90% delle pene capitali in tutto il mondo. Nel 2008, secondo stime ufficiali, vi sono state 4 mila condanne a morte e 1.770 esecuzioni: alcuni attivisti per i diritti umani ne denunciano invece che sono state “almeno il doppio”.

Una conferma di questi dati non ufficiali si è avuta in occasione dell’Assemblea nazionale del popolo del 2006, quando Chen Zhonglin (uno dei delegati) ha detto che la Cina mette a morte “circa 10 mila persone” l’anno, ma ha aggiunto che la politica di Pechino impone di considerare un “segreto di Stato” i dati ufficiali sull’argomento.

La pena di morte in Cina è prevista per i crimini definiti “più gravi”, che comprendono però anche la corruzione e numerosi altri reati non violenti. Una volta arrestato, l’imputato non ha pieno diritto all’assistenza legale immediata: ciò avviene, solitamente, al termine degli interrogatori condotti dalla polizia e anche in questo caso tale diritto viene spesso negato o limitato.

Spesso durante i primi interrogatori la persona arrestata viene torturata e costretta a “confessare” il reato. La “confessione” può così essere usata in tribunale e determinare la condanna a morte. In violazione degli standard internazionali, la legge cinese non prevede la presunzione di innocenza.

Per cercare di fermare questa strage, a volte deplorata persino dal governo centrale, è scesa in campo proprio la Corte Suprema. Questa, nel 2007, ha deciso di avocare a sé il diritto esclusivo di comminare la pena di morte: da allora, infatti, i tribunali minori sono costretti a sottoporre al giudizio di Pechino la proposta di condannare al patibolo i presunti colpevoli.

Fonte: AsiaNews, 10 febbraio 2010

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.