Pechino impedisce ad un avvocato dei diritti umani di ritirare un premio

Pechino ha impedito all’avvocato dei diritti umani Ni Yulan di recarsi negli Stati Uniti  per ritirare un premio del Dipartimento di Stato Usa dedicato alle «donne coraggiose», ma le è stato negato un nuovo passaporto.

Ni è conosciuta per la sua attività da avvocato a difesa delle proprietà dei cittadini e per il suo legame con un gruppo di avvocati che faceva capo allo studio Fengrui di Pechino messi agli arresti a luglio del 2015. La donna sarebbe stata inoltre sfrattata dal proprio appartamento pechinese dopo che alcuni uomini in divisa nera hanno fatto irruzione in casa nel weekend, sottraendole una somma di denaro e malmenando il marito.

Ni è stata imprigionata due volte e le percosse ricevute durante le detenzioni le hanno provocato una paralisi  dalla vita in giù.

Asia Times, China Files, 31/03/2016

English article Asia Times:

Articoli correlati:

 

 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.