Pechino censura le notizie sulla diffusione del virus e favorisce il contagio. A rischio elevato contagio detenuti nei laogai

Xi Jinping ha riconosciuto che la “diffusione accelerata” di un nuovo coronavirus dalla città cinese centrale di Wuhan è una “grave situazione”. Per fermare la diffusione del virus, il governo cinese ha vietato ai residenti di Wuhan e alle città vicine di viaggiare e bloccare la partenza voli, treni, autobus e traghetti. Ma se questo si trasforma in una catastrofe, il culto della personalità attorno al signor Xi e gli sforzi del regime comunista per controllare le informazioni meriteranno gran parte della colpa.

Per un precedente, guardiamo indietro al 1918, quando l’influenza spagnola scoppiò durante la prima guerra mondiale. Negli Stati Uniti, i funzionari del governo e la stampa fecero tutto il possibile per minimizzare il rischio di danneggiare lo sforzo bellico. Mentre il capo del Ministero della Salute di Los Angeles dichiarò che non vi era “nessuna causa di allarme” e la gazzetta dell’Arkansas descrisse la malattia come “la stessa vecchia febbre influenzale”, mentre la gente moriva a migliaia.

Il nome “influenza spagnola” era un termine improprio. Nei paesi in cui è emersa originariamente, Francia, Cina e Stati Uniti, la notizia è stata soppressa dalla censura e dall’autocensura per mantenere alto il morale in tempo di guerra. (La Cina inviò sul campo di battaglia solo operai civili, ma dichiarò guerra alla Germania nell’agosto del 1917.) Fino a quando il re Alphonse XIII della Spagna neutrale si ammalò, la notizia del virus si allargò maggiormente.

Tra la primavera del 1918 e l’inizio del 1919, tre ondate di influenza spagnola attraversarono il pianeta, facilitate dalla censura e dalla segretezza. I risultati furono catastrofici: 50 milioni di persone furono uccise in tutto il mondo, tra cui quasi 700.000 americani.

Poiché il Partito comunista cinese si preoccupa più del suo controllo sociale che del benessere del popolo cinese, oggi una situazione simile è immaginabile. Il segretario per i servizi sanitari e umani Alex Azar ha elogiato le autorità cinesi per essere trasparenti e collaborative, anche pubblicando il fatto che il virus è stato isolato . Ma per altri aspetti il ​​comportamento di Pechino ha aumentato il rischio.

La Cina non ha media indipendenti e attua una rigida censura anche in tempo di pace. Il virus si è diffuso nello Xinjiang, dove il governo detiene milioni di uiguri in “centri di rieducazione densamente popolati”. Pechino ha bloccato Taiwan, che ha tre casi confermati del virus, dal partecipare a una discussione dell’Organizzazione mondiale della sanità sul focolaio.

Nel frattempo, la polizia cinese sta interrogando le persone che “diffondono voci” sui social media riguardo al virus. Due giorni prima che il governo di Wuhan rivelasse la gravità dell’epidemia, ha organizzato un banchetto per oltre 100.000 persone. Il 10 gennaio, un esperto del governo ha detto alla rete statale CCTV che il virus era “sotto controllo” e la situazione non ” era preoccupante”. Il giornale di successo di Wuhan non ha messo l’epidemia in prima pagina fino a quasi tre settimane dopo i primi casi.

Gli analisti sospettano che il numero effettivo di infetti sia migliaia in più rispetto ai 1.400 attualmente confermati. La lezione del 1918 è che il segreto può uccidere. Il comunismo cinese ora minaccia il mondo con un enorme disastro medico.

Traduzione a cura di Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: WSJ,26/01/2020

Articolo in inglese: China’s Censorship Helps Spread the Virus

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.