Parlamento Ue: No all’accordo sugli investimenti con Pechino senza libertà a Hong Kong

Condannata la repressione del movimento democratico nell’ex colonia britannica. Chieste sanzioni mirate contro i funzionari responsabili del giro di vite. L’Unione doveva usare i negoziati per preservare l’autonomia della città. Difendere i diritti umani anche nello Xinjiang e in Tibet.

Il Parlamento dell’Unione europea ha votato ieri una risoluzione in cui condanna la repressione del movimento democratico a Hong Kong compiuta dalle autorità locali e da quelle del governo centrale. I parlamentari europei hanno precisato che la situazione dei diritti umani nell’ex colonia britannica sarà tenuta in considerazione quando a fine anno saranno chiamati a ratificare il grande accordo bilaterale sugli investimenti tra l’Unione e Pechino.

Il 30 dicembre, dopo più di sette anni di negoziati,  le due parti hanno trovato un’intesa di principio per finalizzare il patto. La Ue sostiene che esso servirà a riequilibrare i rapporti economici con il gigante asiatico, accusato di  trarre vantaggio da pratiche commerciali scorrette, come le sovvenzioni alle imprese di Stato e il dumping sociale. Da anni gli europei chiedevano reciprocità di trattamento per i propri investitori. Mentre le imprese cinesi possono operare quasi liberamente in Europa, quelle europee in Cina sono obbligate a creare joint-venture con realtà locali e a trasferire loro segreti tecnologici e industriali.

I deputati Ue hanno chiesto l’adozione di sanzioni mirate nei confronti dei funzionari di Hong Kong e Pechino responsabili del giro di vite sui manifestanti pro-democrazia. Essi hanno sottolineato che la firma dell’intesa con la Cina ha fatto perdere all’Europa la sua credibilità come paladina dei diritti umani.

L’accusa nei confronti della Commissione europea e della Germania (primo sponsor dell’accordo) è di non aver usato i negoziati come strumento di pressione per preservare l’alto grado di autonomia di Hong Kong e i diritti e le libertà fondamentali dei suoi cittadini. Lo stesso discorso vale per le gravi violazioni dei diritti umani nelle province cinesi dello Xinjiang e del Tibet.

Le rivelazioni di stampa sull’esistenza di campi di lavoro nello Xinjiang, dove centinaia di migliaia di musulmani uiguri e kazaki sarebbero impiegati con la forza per la raccolta del cotone, sembravano aver pregiudicato la conclusione del patto. Ue e Cina si sono accordate su una formula che prevede l’impegno del governo cinese ad applicare in modo effettivo le convenzioni dell’Ilo (Organizzazione mondiale del lavoro) che ha già sottoscritto, e a “lavorare alla ratifica” di tutte le altre, soprattutto quella sul contrasto al lavoro forzato.

La Commissione Ue si difende dalla accuse sostenendo che l’accordo con Pechino deve essere ancora ratificato: la sua piena attuazione non è prevista prima di due anni, durante i quali l’Unione verificherà gli impegni assunti dalla controparte cinese.

Fonte: Asianews,22/01/2021

Versione inglese:

EU Parliament says no to investment deal with Beijing without freedom in Hong Kong 

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.