Otto famosi marchi italiani che oggi sono cinesi

Laura Cozzolino, Epoch Times | 19/10/2015
Dalle auto alle calzature al cibo raffinato, il marchio del ‘Made in Italy’ si presenta da sempre come garanzia di qualità e abilità nella lavorazione, una fonte di orgoglio nazionale. Tuttavia, a causa del doloroso stato dell’economia, la situazione potrebbe cambiare.

Una alla volta, le grandi firme italiane stanno cadendo in mani straniere e il marchio ‘Made in Italy’ è ora nel mirino degli investimenti cinesi.

Oltre al prestigio dato dai famosi marchi italiani, acquisti di questo tipo sono ottimi per soddisfare le esigenze del mercato interno. In Cina, i prodotti provenienti dal Nord America e dell’Europa, sono estremamente richiesti. A causa dei numerosi dubbi e problemi legati alla qualità degli articoli cinesi, facoltosi uomini del colosso asiatico, spesso arricchiti con la corruzione, decidono di acquistare marchi di lusso dall’Occidente, per esibire la loro opulenza.

Ecco alcuni importanti marchi italiani, ora in mano dei cinesi:

1. Il Gruppo Ferretti, produttore di yacht di lusso, controlla otto marchi: Ferretti Yachts, Pershing, Itama, Bertram Yacht, Inc., Riva S.p.A., Mochi Craft, Crn, e Custom Line. Nel gennaio 2012, la Ferretti è stata acquisita dalla cinese Weichai Holding Group Co., compagnia a gestione statale, affiliata della Shandong Heavy Industry Co., Ltd., il maggior produttore cinese di bulldozer.

(ferretti-yachts.com)

2. La maggioranza delle azioni del produttore di auto di lusso De Tomaso Automobili Spa è stata venduta nel febbraio 2012 alla casa italiana Car Luxury Investment, una compagnia del gruppo di investimento cinese Hotork.

3. La Norcineria Fiorucci, produttore leader di salumi, inclusi Prosciutto di Parma, Prosciutto San Daniele e Mortadella Bologna, è diventata cinese. Fiorucci era stata acquistata, nel gennaio 2011, dalla spagnola Campofrio Food Group, con base a Madrid. Tre anni prima, la Campofrio si era unita alla statunitense produttrice di carni Smithfield, che la cinese Shuanghui International Holdings ha poi acquistato nel 2015, in quella che è stata la più grande acquisizione di una compagnia americana da parte di una cinese.

(fioruccifoods.com)

4. Il marchio della moda italiana Miss Sixty – che annovera al suo interno i marchi Energie, Killah, Refrigiwear, and Murphy & Nye – è stato acquisito nel 2012 da Trendy International Group. Trendy ha sede a Guangzhou, nel Sud della Cina.

(Pagina Facebook di Miss Sixty)

5. La prestigiosa casa di moda italiana Cerruti – meglio conosciuta per i suoi abiti da uomo in lana e per il profumo 1881 – è stata venduta, nel dicembre 2010, alla Li & Fung Group’s Trinity. La compagnia, con sede a Hong Kong, ha acquistato la Cerruti per 70 milioni di dollari.

Un modello mostra le creazioni di Aldo Maria Camillo per la Cerruti, durante la sfilata della collezione di moda autunno-inverno 2013-2014 il 18 gennaio 2013 a Parigi (Francois Guilloti/AFP/Getty Images)

6. Desmo, produttore Toscano di eleganti borse e portafogli in pelle, è ora di proprietà della cinese Sara Lin, ex Suping Lin.

(Screenshot da desmo.it)

7. Benelli, produttori di motocicli da quasi 100 anni, è ora di proprietà del Gruppo Qianjiang, con sede a Wenling, Cina.

Tornado 1130 di Bernelli (benelliamerica.net)

8. In una transazione completamente in contanti, il produttore di impianti e macchine per il cemento con sede a Milano, Cifa Spa, è stato acquisito da un consorzio formato da Changsha Zoomlion Heavy Industry Science e Technology Development Co.

Il K39H della Cifa rivelato ad aprile 2013 (cifa.com)

L’ondata di acquisti da parte della Cina sembra mirare non soltanto al settore manifatturiero. L’interesse cinese si è recentemente rivolto all’area toscana del Chianti, con l’acquisto della prima azienda agricola del Gallo Nero.

Anche gli immobili di lusso italiani sono in vendita, con siti internet cinesi come Juwai.com e Propgoluxury.com, che offrono costose proprietà in conosciutissime aree turistiche, in Italia e nel mondo.

Per i potenziali acquirenti: l’Italia è in vendita. Diamo il benvenuto al nuovo marchio: ‘Era Made in Italy’.


Fonte: EpochTimes, http://epochtimes.it/n2/news/otto-famosi-marchi-italiani-che-oggi-sono-cinesi-2723.html

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.