- Arcipelago Laogai - https://www.laogai.it -

“Optare per i litigi e provocare guai”: come il crimine onnicomprensivo della Cina mette a tacere il dissenso.

Nel 2013, le autorità hanno ampliato la sua domanda per l’uso contro coloro che si ritiene abbiano pubblicato e diffuso ampiamente notizie o voci false su Internet. I critici affermano che il crimine – che è stato sferrato contro giornalisti, attivisti e avvocati oltre che cittadini comuni – è vago e uccide la libertà di parola.

Ad agosto, due attivisti cinesi sono stati  condannato a 15 mesi di carcere [1] per “ causare litigi e provocare guai” dopo  l’archiviazione di materiali Internet censurati [2]durante i primi giorni della pandemia di Covid-19.

L’accusa penale di ampia formulazione è stata molto criticata per il suo potenziale di essere utilizzata per mettere a tacere il dissenso. Conosciuto come reato onnicomprensivo o ” piccoli crimini “, l’accusa è stata utilizzata dalle autorità cinesi contro attivisti per i diritti umani e dissidenti per una vasta gamma di comportamenti.

La storia della legge

“Optare per litigi e provocare guai” è apparso per la prima volta nella legge cinese sotto il vago reato di teppismo, che, secondo il codice penale cinese nel 1979, potrebbe applicarsi anche a radunare una folla per combattere, insultare le donne, disturbare l’ordine pubblico o  atti sessuali consensuali tra persone dello stesso sesso. [3]Gli imputati potrebbero essere condannati a sette anni di carcere, o addirittura alla morte.

La revisione del codice penale del 1997 ha abolito il reato di teppismo. L’omosessualità è stata depenalizzata con questo cambiamento, mentre altri atti precedentemente perseguiti in base a questo crimine, come violenza sessuale, sesso di gruppo e rissa (combattimento in un luogo pubblico) sono stati definiti come crimini separati con punizioni diverse.

“Optare per i litigi e provocare problemi” è stato suddiviso in un crimine indipendente. Inizialmente, si applicava a quattro situazioni: 1) battere gli altri a caso; 2) inseguire e insultare gli altri; 3) danneggiamento arbitrario di proprietà pubbliche e private; e 4) causare gravi disordini nei luoghi pubblici.

Ma nel 2013, le autorità hanno ampliato in modo significativo la sua applicazione per consentirne l’uso contro coloro che si ritiene abbiano pubblicato e diffuso ampiamente notizie o voci false su Internet.

Il delitto di “sollevare liti e provocare guai” prevede la pena fino a cinque anni di reclusione per le infrazioni di lieve entità, o da cinque a dieci anni di reclusione per i reati giudicati più gravi.

Per cosa è stato utilizzato?

Molti di coloro che sono stati accusati di “aver provocato litigi e aver provocato problemi” sono stati attivisti o dissidenti che hanno criticato il governo o i funzionari, o hanno pubblicato informazioni sui diritti umani o sulla politica.

Un caso che ha attirato l’attenzione internazionale è stata la detenzione di cinque attiviste per i diritti delle donne che avevano pianificato di organizzare una protesta in occasione della Giornata internazionale della donna contro le molestie sessuali delle donne sui trasporti pubblici.

Le donne, che sarebbero diventate note come le cinque femministe [4] che sono state arrestate dalla polizia in varie città con l’accusa di “aver causato litigi e aver provocato disordini”. Sono state detenute per più di 30 giorni, suscitando proteste sia in Cina che all’estero.

Un altro caso ha coinvolto Zhang Jialong, un ex giornalista finanziario accusato dai pubblici ministeri di aver postato e ritwittato “un gran numero di messaggi falsi che diffamano l’immagine del Partito Comunista e del Paese”.

[5]

I tweet di Zhang sui social media, tra cui una serie che ha scritto sulle libertà di Internet e sui diritti umani, sono stati presentati come prova in tribunale delle sue opinioni ideologiche, secondo sua moglie.

Zhang è stato arrestato nell’agosto 2019 e condannato a 18 mesi di carcere per “aver causato litigi e provocato problemi”. È stato rilasciato nel febbraio 2021.

Alla fine dell’anno scorso, il giornalista cittadino Zhang Zhan era imprigionato per quattro anni per il reato a Shanghai per la sua segnalazione sulla pandemia di coronavirus nella città cinese centrale di Wuhan, dove sono stati rilevati i primi casi.

[6]

Zhang Zhan, che ha iniziato uno sciopero della fame per protestare contro il suo arresto secondo fonti legali, è stata uno dei pochi giornalisti cittadini in Cina a riferire sulle prime esperienze delle persone a Wuhan durante il blocco della città. Altri sono stati arrestati o gli è stato ordinato di interrompere le loro segnalazioni online.

Perché è così controverso? 

Da quando Xi Jinping è salito al potere nel 2012, le autorità cinesi hanno ripetutamente sottolineato il concetto di “stato di diritto” e lanciato varie campagne contro la corruzione come dimostrazione della determinazione del partito a promuovere lo stato di diritto.

Ma il numero di attivisti sociali, avvocati e gente comune arrestati nell’ambito del crimine onnicomprensivo e condannati per quello che molti vedono come un semplice esercizio della libertà di parola ha creato un effetto agghiacciante e ha messo le persone nel terrore e parlano molto difficilmente , affermano i critici.

Xu Xin, professore presso la facoltà di giurisprudenza dell’Istituto di tecnologia di Pechino, ha affermato in un’intervista con i media locali che il crimine di ” Causare litigi e provocare problemi” è una definizione poco chiara da ampio margine di interpretazione  e applicazione rispetto al vecchio crimine di teppismo.

Luo Xiang, un eminente professore di diritto penale presso la China University of Political Science and Law, è andato oltre, affermando in una conferenza pubblica che il crimine di causare litigi e provocare problemi era una “vergogna per la legge”.

Ha affermato che ” se le condanne per un crimine sono troppo vaghe, la polizia e i dipartimenti giudiziari non sanno come applicarle, e quindi le usano  indiscriminatamente, le applicano a loro discrezione per fare tutto ciò che vogliono, e lo faranno selettivamente per  far rispettare la legge senza giustizia”. 

Chen Jiangang, un avvocato per i diritti umani cinese con sede negli Stati Uniti, ha rappresentato la cantante Wu Hongfei otto anni fa quando è stata trattenuta con l’accusa di “causare  litigi e provocare problemi” dopo aver pubblicato su Weibo che lei avrebbe voluto bombardare edifici governativi. L’avvocato aggiunge , che c’era molta copertura mediatica e supporto in quel momento, ora è diventato così comune essere imprigionati e condannati per aver espresso la propria opinione online che “non fa più notizia”.

“Questo è un  forte segnale che la soppressione della società civile da parte del Partito Comunista Cinese sta peggiorando sempre di più. Sempre più persone hanno paura di parlare e decidono solo rimanere in silenzio”, ha continuato l’avvocato.

Traduzione Arcipelago laogai: in memoria di Harry Wu

Fonte: South China Morning Post,25/08/2021

Articolo in inglese:

‘Picking quarrels and provoking trouble’: how China’s catch-all crime muzzles dissent  [7]