Categoria: Opinioni

La Cina ha una montagna di soldi: i nostri

E’ noto che la Cina gode di un surplus commerciale enorme che le garantisce una massa di risorse finanziarie di dimensioni colossali. Si tratta di uno spostamento costante di ricchezze verso Pechino, originato da errori di valutazione occidentali combinato ad una straordinaria visione strategica di lungo termine dei cinesi.

“Attenta Europa, la storia insegna che la pace non dura. E la Cina vuole dominarti”

Jonathan Holslag, professore di scienza politica all’Università di Bruxelles in “Storia politica del mondo” (Il Saggiatore) ripercorre 3000 anni di conflitti tra nazioni: “La prossima guerra sarà tra Stati Uniti e Cina per il controllo dell’Oceano Pacifico e i suoi traffici marittimi”.

L’accordo con la Cina è una fregatura: Italia preda perfetta

L’accordo con la Cina è una chiara fregatura, l’Italia è diventata preda perfetta di Pechino,tappa della sua espansione geopolitica ed economica. Marzio Ammendola è un imprenditore, conosce molto bene la realtà cinese per averla vissuta a fondo.

Via della Seta, ecco come Grecia e Ungheria si sono cinesizzate

Ripetere lo stesso schema di Grecia e Ungheria con l’Italia, dati i diversi rapporti di forza all’interno dell’Eurozona e le implicazioni più generali sul terreno della sicurezza, è molto più pericoloso. Il commento di Gianfranco Polillo.

Inquinamento: se tutti si comportassero come Cina e Russia la temperatura salirebbe di 5° con effetti catastrofici

Se pensate che l’ipotesi di surriscaldamento della terra di più di due gradi entro il 2050 porti a scenari catastrofici, sappiate allora che ce n’è una molto peggiore, e che parte dal presupposto che le (non) politiche ambientali di Cina e Russia potrebbero portare, nello stesso periodo, a un aumento di temperature fino a 5 gradi.

Cina, i diritti negati e il peso dei soldi

Non si contano le proteste e le critiche agli Usa per Guantanamo, ma fingiamo di non vedere ciò che accade in Oriente, in Russia e nel mondo arabo.

La Cina sempre più repressiva e sprezzante delle norme internazionali

Gli Stati Uniti auspicavano che le collaborazioni decennali commerciali, gli investimenti e altri impegni assunti con la Cina alla fine avrebbero convinto Pechino ad aprirsi e ad abbracciare l’ordine internazionale. Questo ottimismo era fuori luogo. Il Partito Comunista Cinese si è dimostrato resistente ai cambiamenti. Come documentato nel nuovo rapporto annuale 2018 della Commissione esecutiva del Congresso bipartisan sulla Cina, o CECC, il partito continua a mantenere il suo monopolio sul potere politico interno attraverso la repressione, la sorveglianza, l’indottrinamento e la brutalità sponsorizzati dallo stato.