OIPA denuncia choc: massacro di cani e gatti per bordure di pelo provenienti da allevamenti in Cina. La lista di etichette insanguinate. (Video)

Questione di coscienza. Ogni anno con l’arrivo dell’inverno se ne riparla. A molti l’argomento è noto. Ad altri meno. Quel che conta, punti di vista a parte, comunque è raccontarlo. La mattanza di volpi, visoni e cincillà purtroppo è tristemente nota. Quella di cani e gatti forse un po’ meno.

 

Sì perché la gran parte delle bordure di pelo applicate su giacche, pullover e cappotti, ma anche scarpe e giocattoli appartengono proprio a loro. Questo terribile commercio,denuncia l’Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) massacra ogni anno oltre 2 milioni di animali.

I più grandi allevamenti si trovano nel nord della Cina. Le aziende che si occupano di cani hanno orrende gabbie che ne contengono fino a 300, mentre quelle di gatti arrivano a 70. La differenza di numero è dovuta al fatto che, parallelamente al mercato delle pelli, per i cani è previsto un altro triste destino: la macellazione per il consumo delle carni.

I numeri di questa strage sono impressionanti: per un solo cappotto servono circa 10 cani e si sale a 24 nel caso dei mici.

Un massacro violento e spietato. Le condizioni degli allevamenti sono spaventose e gli animali affrontano un vero e proprio calvario fino alla fine dei loro giorni. Molto spesso non provengono neanche da aziende, ma sono cresciuti in piccole imprese a gestione familiare, stipati in minuscole gabbie per poi morire in maniera agghiacciante davanti agli occhi dei loro compagni. Tanti sono anche i poveri randagi catturati.

L’Oipa ha messo giù una lista di nomi da tenere d’occhio. Sono nomi falsi che nascondono la vera provenienza del pelo: cani e gatti.

E’ pelliccia di cane – spiega l’Oipa – se nell’etichetta c’è scritto: Asian jackal; Asiatic racoonwolf; Asian wolf; Cane procione; Cane selvatico; Corsak; Corsak fox; Dogaskin; Dogue of China; Finnracoon (asiatico); Fox of Asia; Gae wolf; Gubi; Kou pi; Lamb skin; Loup d’Asie; Lupo Asiatico; Lupo cinese; Murmanski; Nakhon; Pemmern wolf; Procione asiatico: Sakhon; Sobaki; Special skin.

E’ pelliccia di gatto se in etichetta c’è scritto:

Gatto di Cipro; Gatto Lyra; Genette; Housecat; Katzenfelle; Lipi; Mountain cat; Wildcat; Special skin.

Ma spesso l’etichetta non c’è, e a quel punto è ovviamente più difficile rendersi conto di quello che state acquistando. Quindi – raccomanda l’Oipa -meglio non comprare capi di abbigliamento o accessori di pelliccia o bordati di pelo. O almeno acquistate prodotti sintetici. Potete farlo: è semplice. Scegliete di non incrementare il mercato della morte.

Il Mattino 05/11/2014

Attenzione: in questo video sono presenti immagini forti e crude che potrebbero urtare le persone più sensibili.

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.