Nuove misure amministrative per i gruppi religiosi: sottomissione totale al Partito comunista cinese

Le nuove misure verranno attuate a partire dal 1° febbraio 2020. Attività, raduni, programmi delle comunità religiose devono avere l’approvazione dell’Ufficio affari religiosi. Le organizzazioni religiose devono “diffondere i principi e le politiche del Partito comunista cinese”, educando “il personale religioso e i cittadini religiosi a sostenere la leadership del Partito comunista cinese”.

A partire dal 1° febbraio 2020 saranno messe in atto nuove misure amministrative per i gruppi religiosi cinesi. Secondo una comunicazione della Xinhua, pubblicata ieri, esse completano i “Regolamenti sugli affari religiosi” rivisti due anni fa e messi in atto il 1° febbraio 2018.

Il testo delle “Misure amministrative per i gruppi religiosi”, pubblicato da Xinhua, è costituito da sei capitoli e 41 articoli che trattano dell’organizzazione, delle funzioni, delle cariche, della supervisione, dei piani di lavoro e dell’amministrazione economica delle comunità e dei gruppi a livello nazionale e locale. Ogni aspetto della vita delle comunità religiose – dagli insegnamenti, ai raduni, ai progetti annuali e quotidiani – è sottomesso ad approvazione dal dipartimento per gli affari religiosi del governo.

Oltre al controllo capillare di ogni mossa delle comunità, le nuove misure esigono che il personale religioso sostenga, promuova e attui fra tutti i membri delle loro comunità una sottomissione totale al Partito comunista cinese.

Nell’art. 5 si afferma che “le organizzazioni religiose devono aderire alla leadership del Partito comunista cinese, osservare la costituzione, le leggi, i regolamenti, gli ordinamenti e le politiche, aderire al principio di indipendenza e di auto-governo, aderire alle direttive sulle religioni in Cina, attuare i valori del socialismo…”.

L’art. 17 esige ancora di più: “Le organizzazioni religiose devono diffondere i principi e le politiche del Partito comunista cinese, come pure le leggi nazionali, i regolamenti, le regole al personale religioso e ai cittadini religiosi, educando il personale religioso e i cittadini religiosi a sostenere la leadership del Partito comunista cinese, sostenendo il sistema socialista, aderendo e seguendo il sentiero del socialismo con caratteristiche cinesi…”.

Un sacerdote cattolico cinese ha commentato: “In pratica, non conta più la tua religione, se sei buddista, o taoista, o musulmano o cristiano: l’unica religione ammessa è la fede nel Partito comunista cinese”.

Fonte: Asianews,31/12/2019

Articolo in inglese:

New administrative measures for religious groups: total submission to the Chinese Communist Party ​

Condividi:

Stampa questo articolo Stampa questo articolo
Condizioni di utilizzo - Terms of use
Potete liberamente stampare e far circolare tutti gli articoli pubblicati su LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, ma per favore citate la fonte.
Feel free to copy and share all article on LAOGAI RESEARCH FOUNDATION, but please quote the source.
Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 3.0 Internazionale.